Il relitto più profondo al mondo è stato esplorato e filmato da una troupe americana

03 aprile 2021, ore 18:00

Si tratta di un cacciatorpediniere della Marina degli Stati Uniti della Seconda Guerra Mondiale

Il relitto più profondo al mondo

Il relitto più profondo al mondo, quello di un cacciatorpediniere della Marina degli Stati Uniti della Seconda Guerra Mondiale, è stato completamente mappato e filmato da una troupe americana. La nave, la USS Johnston, si trova a una profondità di 21.180 piedi (circa 6.500 metri) nel Mar delle Filippine. La sua posizione era già nota, ma questa è la prima volta che una troupe è in grado di mappare e filmare l'intero sito del relitto. Caladan Oceanic, una società privata con sede negli Stati Uniti che si concentra sulle spedizioni oceaniche, ha il merito di aver raggiunto il relitto il 31 marzo. La sua nave di ricerca, il DSV Limiting Factor, è stata in grado di ispezionare la nave, che era a più di 30 metri più in profondità rispetto a quanto si credesse, adagiata nell'oscurità a più di quattro miglia sotto la superficie del Pacifico. 


La Caladan Oceanic

Il fondatore di Caladan Oceanic è Victor Vescovo, un ex comandante della Marina degli Stati Uniti che ha una passione di lunga data per le imprese che sembrano impossibili. Vescovo detiene il record per essere stato la prima persona nella storia ad essere stato in tutti i continenti del mondo, in entrambi i poli e sul fondo di tutti gli oceani. Con il rilevamento della USS Johnston, Vescovo ha raggiunto un'altra pietra miliare, cioè il raggiungimento del relitto più profondo della storia. Proprio lui era ai comandi della Limiting Factory per l'intero processo, che si è svolto in due segmenti di otto ore nell'arco di due giorni.


La storia della USS Johnston

Affondata durante la battaglia al largo di Samar, La USS Johnston fu abbattuta dalla marina giapponese il 25 ottobre 1944. La battaglia di Samar è stata una delle quattro fasi che hanno dato vita alla Battaglia del Golfo di Leyte, una delle più grandi nella storia della guerra navale e del percorso che portò alla sconfitta della marina giapponese nella Seconda Guerra Mondiale. La nave ha preso il nome dal tenente John V. Johnston, un eroe della guerra civile. Ernest Evans, un nativo americano dell'Oklahoma, guidò la Johnston nell'attaccare una forza giapponese di gran lunga superiore. Evans rimase gravemente ferito, ma, imperterrito, raggruppò il suo equipaggio e attaccò di nuovo le navi nemiche. Dopo due ore e mezza di combattimento, il Johnston era senza energia e circondato da navi giapponesi. Evans ordinò all'equipaggio di abbandonare la nave, che si ribaltò e affondò. Dei 327 uomini dell'equipaggio della Johnston, 186 morirono, incluso Evans, insignito postumo della Medal of Honor, il primo nativo americano della Marina degli Stati Uniti a ricevere il più alto onore militare del suo paese. 
Il relitto più profondo al mondo è stato esplorato e filmato da una troupe americana
Tags: Caladan Oceanic, Relitto, Stati Uniti, USS Johnston

Share this story: