Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Novara: bimbo di due anni morto, la Procura ha disposto il fermo della madre e del compagno della donna
-
-
- Roma: elezioni europee, oggi giornata di silenzio elettorale, domani si vota dalle 7.00 alle 23.00
- Gb: dimissioni premier May, il ministro della Sanità Hancock si candida a leadership partito conservatore
- Giappone: Donald Trump è a Tokyo per una visita di 4 giorni, incontrerà anche l'imperatore Naruhito
- Usa: muro al confine con Messico, schiaffo a Trump, giudice federale blocca parzialmente la costruzione
- Libia: scontri armati a Tripoli, Onu, è salito a 82.300 il numero degli sfollati dall'inizio di aprile
- Venezuela: rivolta in un carcere di Caracas, pesanti scontri tra detenuti e polizia, il bilancio è di 30 morti
- Mestre (Ve): Cgia, l'Inps e l'Inail pagano le imprese in ritardo e lo fa anche metà dei ministeri
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata testa in marmo di età imperiale, forse raffigurazione di Dioniso
- Cinema: Festival di Cannes, questa sera in programma la cerimonia di premiazione, Almodovar favorito
- Calcio: serie A, oggi ultima giornata del campionato, alle 18 Frosinone-Chievo, alle 20.30 Bologna-Napoli
- Calcio: New York Times, la Fiorentina sarebbe stata ceduta al miliardario Rocco Commisso
- F1: Gran Premio di Monaco, oggi in programma a Montecarlo le qualifiche, favorite le Mercedes
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
09 marzo 2019

Il Web compie 30 anni, ma Internet non è ancora per tutti

Il 12 marzo 1989 Berners Lee presentò al Cern di Ginevra la base teorica della rete, essere connessi rimane letteralmente un sogno per due miliardi di persone

Il World Wide Web compie 30 anni. Il 12 marzo 1989 Tim Berners Lee presentò un saggio al Cern di Ginevra che rappresentava la base teorica della rete. E fece la storia: sulla base di quel documento il primo sito fu lanciato nel 1991 e da allora Internet è esploso spalancando le porte ad un modo nuovo di comunicare, informarsi, lavorare, inventare. Eppure queste porte sono ancora serrate per tanti: sono due miliardi le persone per cui il web è inaccessibile perché fuori dalla portata delle loro tasche o perché non ci sono investimenti tecnologici nei paesi in cui vivono. Mentre la più grande preoccupazione per gli utenti connessi riguarda la sicurezza e la privacy. Il documento che Berners Lee presentò al suo supervisore al Cern di Ginevra si chiamava 'Information Management: a Proposal', serviva a rendere più agevole la distribuzione di dati scientifici tra gli scienziati. 

Il Web compie 30 anni, ma Internet non è ancora per tutti

Nel giro di due anni Berners-Lee e un altro ricercatore, Robert Cailliau, costruirono le fondamenta del Web e realizzarono anche il primo browser, il programma per sfogliare le pagine del web. Il fisico è stato insignito del titolo di 'Sir' dalla Regina Elisabetta II, attualmente è il direttore del Consorzio del World Wide Web, con il quale continua a guardare allo sviluppo della rete. Proprio questa organizzazione, in base alla elaborazione dei dati Onu, pochi mesi fa, ha certificato un rallentamento nel numero di persone su Internet, con una brusca battuta d'arresto dal 2015, nonostante la propulsività della Cina. Secondo l'ultima analisi della Alliance for Affordable Internet (A4Ai), essere connessi rimane letteralmente un sogno per due miliardi di persone nel mondo, i più poveri e le donne sono i più colpiti.