Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Antonio Megalizzi è morto, il giovane reporter italiano era rimasto gravemente ferito durante l'assalto ai mercatini di Natale a Strasburgo, aveva 28 anni
- Brasile: il Tribunale Supremo Federale chiede l'arresto di Cesare Battisti, ma al momento l'ex terrorista è irreperibile e ricercato
- Roma: prosegue la trattativa tra governo italiano e Commissione europea sulla manovra, il premier Conte, l'Italia non ha il cappello in mano
- Roma: irregolare una mensa scolastica su tre, i controlli dei Nas evidenziano irregolarità, il ministro della Salute Giulia Grillo, è un film dell'orrore
- Milano: condanna all'ergastolo per Alessandro Garlaschi, il tranviere accusato di aver ucciso con 85 coltellate la diciannovenne Jessica Valentina Faoro
- Milano: X Factor12, trionfo per Anastasio, il rapper napoletano ha battuto ìNaomi, record di ascolti in radio e in tv per la finale 2018
- Sci: l'azzurro Innerhofer sfiora la vittoria nel Super G in Val Gardena, secondo alle spalle di Svindal per soli 5 centesimi
- Calcio: decisione Uefa, per il Milan pareggio di bilancio entro il 2021 o un anno senza coppe
- Calcio: domani due anticipi di serie A, alle 18.00 Inter-Udinese e alle 20.30 il derby Torino-Juventus
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
27 novembre 2018

Crescita dei salari nel mondo, al minimo dal 2008

I dati presentati ieri a Ginevra mostrano un picco della crescita dei compensi e dimostrano che le donne guadagnano ancora il 20% in meno rispetto agli uomini

La crescita dei salari a livello mondiale è al minimo storico dal 2008, le donne guadagnano ancora il 20% in meno rispetto agli uomini. E’ ciò che emerge dalla fotografia delle retribuzioni nel mondo, scattata dall’ultimo Rapporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo). I dati, presentati ieri a Ginevra, mostrano un picco della crescita dei compensi, scesa dell’1,8% nel 2017, dal 2,4% del 2016. Nei paesi emergenti e in via di sviluppo del G20, la crescita salariale ha oscillato tra il 4,9% del 2016 e il 4,3% del 2017. "E’ sconcertante – spiega il direttore generale dell'Ilo Guy Ryder – constatare che nelle economie ad alto reddito vi sia una crescita salariale lenta a fianco di una ripresa della crescita del Pil e la caduta della disoccupazione. La stagnazione degli stipendi è un ostacolo alla crescita economica e all'aumento degli standard di vita".

Crescita dei salari nel mondo, al minimo dal 2008

Per quanto riguarda il divario di genere, la situazione resta allarmante, con le donne che a livello globale continuano ad essere pagate circa il 20% in meno rispetto agli uomini. Un divario che "rappresenta una delle più grandi manifestazioni di ingiustizia sociale dei nostri tempi”, ha commentato il direttore generale. “In molti paesi le donne sono più istruite degli uomini, ma guadagnano salari più bassi, anche quando svolgono le stesse professioni", ha sottolineato l'esperta dell'Ilo Rosalia Vazquez-Alvarez.