Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: in arrivo sulle regioni italiane freddo e vento, una corrente gelida proveniente dalla Russia porterà a un forte calo delle temperature
- Francia: manifestazioni in tutto il Paese contro il caro carburante, a Pont de Beauvoisin una manifestante è morto travolta da un auto
- Roma: in corso l'Assemblea Nazionale del Pd per lanciare Congresso e Primarie, l'ex ministro Minniti non ha sciolto la riserva sulla corsa alla segreteria
- Stati Uniti: il presidente Trump oggi visiterà le zone della California devastate dagli incendi, 71 morti, mille i dispersi
- Trapani: confiscati beni per un valore di 21 milioni di euro a due imprenditori, sono ritenuti legati al boss latitante Matteo Messina Denaro
- Calcio: questa sera a Milano Italia-Portogallo per la Nations League, in 70mila a San Siro, tutti i goal e le emozioni in diretta su Rtl 102.5
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
01 novembre 2018

Gb, io bullizzato, la rivincita del campione di ginnastica

Dominick Cunningham e gli inizi difficili, “Mi dicevano gay, fai la ballerina”, oggi è medaglia d'oro agli Europei

I pregiudizi dei suoi compagni di scuola lo umiliavano fino alle lacrime e gli insulti omofobi lo hanno portato ad un passo dal ritiro. Una parabola che sa di rivalsa personale, in stile Billy Elliott, quella dell'inglese Dominick Cunningham, campione europeo in carica di corpo libero dopo lunghi anni vissuti da vittima inerme di un bullismo feroce e incessante. Proprio come nel celebre film, che racconta la storia di un adolescente inglese bullizzato per la sua passione per la danza.

Gb, io bullizzato, la rivincita del campione di ginnastica

"Mi davano dell'omosessuale, del bebè col ciuccio, dicevano che ero come una ballerina – ricorda il ginnasta inglese, impegnato in questi giorni nei mondiali di Doha -. Avevo nove o dieci anni, e non volevo più andare a scuola perché quei ragazzi mi insultavano per lo sport che praticavo. Mi sentivo umiliato, tornavo a casa e piangevo. Quando l'ho detto ai miei genitori, mi hanno risposto che dovevo essere forte". Un consiglio di cui Cunningham ha fatto tesoro, preferendo la ginnastica al calcio e all'hockey su ghiaccio, fino a vincere quest'anno la medaglia d'oro sia ai giochi del Commonwealth che agli ultimi Europei.