Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Tennis: Montecarlo, in corso la finale tra Fabio Fognini e il serbo Dusan Lajovic, l'azzurro vince il primo set per 6-3
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
26 ottobre 2018

Irlanda, oggi referendum sulla bestemmia

Si vota per abrograre la norma che vieta qualunque forma di offesa alla religione

Niente piu' reato di "blasfemia" in Irlanda. A decretarlo sara', salvo sorprese clamorose sull'affluenza, un referendum dall'esito scontato indetto oggi per abolire la vecchia norma costituzionale che vieta sull'isola - un tempo associata all'abusata etichetta di 'cattolicissima' - qualunque forma di offesa alla religione. I sondaggi lasciano poco spazio ai dubbi, con un 51% di favorevoli accreditati come certi, rispetto a un 19% di contrari convinti e il resto indecisi o disinteressati. Mentre la stessa gerarchia nazionale cattolica riconosce pubblicamente come ormai datato l'articolo della Costituzione in discussione. Il referendum, che arriva dopo la consultazione popolare di maggio sulla fine delle restrizioni all'aborto. L'ultima condanna per blasfemia che si ricordi in Irlanda risale al remoto 1855, quando la repubblica neppure esisteva e l'isola verde era ancora sotto il tacco della dominazione della corona britannica. A rilanciare le polemiche sul tema aveva provveduto pero' tre anni fa la polizia locale: aprendo un fascicolo - archiviato poi in nulla - sul noto attore comico Stephen Fry, che in televisione non aveva esitato a prendersela direttamente con Dio bollandolo come "capriccioso", "cattivo" e "totalmente folle". Con il voto referendario, gli elettori potranno ora chiudere la questione cancellando dalla Costituzione repubblicana del 1937 unicamente la parola 'blasfemo' dall'articolo che recita: "La pubblicazione o propalazione di materiale blasfemo, sedizioso o indecente e' un reato punibile secondo la legge".

Irlanda, oggi referendum sulla bestemmia