Italia da primato per il patrimonio di immobili d'epoca e storici, il Covid non ferma le richieste dei ricchi stranieri

12 febbraio 2021, ore 21:00
agg. 15 febbraio 2021, ore 10:34

Nonostante la pandemia continui a paralizzare il turismo internazionale, non si fermano le prenotazioni di facoltosi turisti stranieri per visitare gli edifici storici del nostro Paese

"Il nostro patrimonio di edifici storici e immobili d'epoca, quando sarà finita l'emergenza Covid, trainerà in Italia": ne è convinto il barone Ivan Drogo Inglese, presidente di Assocastelli, l'associazione nazionale legata ad Assopatrimonio. "L'Italia è il Paese che custodisce e possiede il più importante patrimonio architettonico e immobiliare d'epoca del mondo", continua Drogo Inglese, "con dimore e residenze, private e pubbliche, di grandissimo prestigio, dai castelli ai palazzi, dalle masserie alle ville, fino alle tenute, mete di turisti da ogni angolo del mondo", a questo si aggiunga che, da noi, ci sono esperti di livello internazionale nel settore della conservazione e del restauro. 


Aspettando la fine del Covid, i turisti prenotano

Nonostante la pandemia abbia paralizzato del tutto, o quasi, il turismo internazionale, in Italia continuano ad arrivare le prenotazioni di tanti facoltosi turisti stranieri pronti a visitare il nostro Paese, da nord a sud, senza badare a spese e avanzando le richieste più strane. Un esempio? Un miliardario inglese, che nei prossimi mesi sarà in vacanza in Italia, ha chiesto di soggiornare solo in dimore dove, in precedenza, siano stati ospiti i rappresentanti della famiglia reale dei Windsor. Nessun problema, perché, per fortuna di chi sta programmando il tour di questo stravagante riccone, sia la regina Elisabetta che suo figlio, il principe Carlo d'Inghilterra, sono venuti, nel corso degli anni, in viaggi ufficiali e di piacere.


Cinesi e americani pronti a tornare in Italia

Proseguendo nella lista delle richieste bizzarre, veniamo a quelle che sono state fatte da due gruppi di turisti cinesi e americani. I primi, oltre a prenotare ville e casali di lusso, essendo attenti alla forma e all'etichetta, hanno preteso di frequentare anche un corso di bon ton. Dagli Stati Uniti, invece, è stata sondata la possibilità, senza lesinare risorse, che preveda, in vacanza, la presenza di duchi, baroni e principi. Gradita, inoltre, l'organizzazione di un ricevimento con la presenza di esponenti della nobiltà di casa nostra. Nell'elenco dei "desiderata" più gettonati dai turisti stranieri, tra gli altri, anche dormire nella masseria dell'attore Raul Bova, trascorrere giorni di relax in castelli e o palazzi dove siano avvenuti avvenimenti tragici o dove sia stata accertata la presenza di fantasmi. Tra le città meta del turismo mondiale c'è, ovviamente, al primo posto, Roma, con il palazzo del Quirinale e i suoi giardini.

Italia da primato per il patrimonio di immobili d'epoca e storici, il Covid non ferma le richieste dei ricchi stranieri
Tags: Assocastelli, Covid, immobili d'epoca, Italia, Ivan Drogo Inglese

Share this story: