Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Cherif Chekatt localizzato e ucciso dalle forze speciali, in un deposito del quartiere di Neudorf, dove era stato visto per l'ultima volta
- Francia: il killer era armato di una pistola e di un coltello, aveva minacciato i poliziotti, sparando per primo, nessun ferito tra gli agenti
- Bruxelles: manovra con deficit al 2,04%, dopo vertice Juncker-Conte, commissario Ue Moscovici, ancora non ci siamo, ma vogliamo l'accordo
- Milano: i giudici stabiliscono che il caso mense di Lodi è discriminazione, il regolamento che penalizza gli stranieri deve cambiare
- Costa Rica: rapinato e ucciso con un coltello, Gianfranco Pescosolido, 56 anni, abitava nel Paese da anni, era uscito per una passeggiata in un parco
- Calcio: Europa League, Lazio-Eintracht Francoforte 1-2, biancazzurri già qualificati, fuori dai sedicesimi per differenza reti il Milan, battuto 3-1 dall' Olympiakos
- Calcio: ufficiale, l'ex direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, è il nuovo amministratore delegato dell'Inter per l'area sportiva
- Nuoto: mondiali in Cina, argento per Simona Quadarella, secondo posto negli 800 metri stile libero in vasca corta
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
21 novembre 2018
  1. /

Italia, la strada è giusta ma servono i goal

La nazionale conferma i progressi sul piano del gioco, ma segna a fatica

Quella di ieri con gli Stati Uniti sembrava la classica partita stregata: gli azzurri avevano creato tanto e sprecato troppo. Lo zero a zero sembrava una ingiustizia ma al tempo stesso un contrappasso per chi non era riuscito a concretizzare una superiorità netta. Poi, al novantaquattresimo minuto , Matteo Politano ha spezzato l’incantesimo: un gol importante il suo, perché regala una iniezione di fiducia a una squadra per la quale il gol inizia a diventare un complesso. Da un lato c’è la soddisfazione per una nazionale che gioca bene e crea parecchio, dall’altro c’è preoccupazione per la poca incisività sotto porta. Il problema va risolto: Immobile e Lasagna hanno avuto le loro cianche, ma hanno chiuso a zero reti e con insufficienze in pagella; Belotti sembra lontano dagli standard di due anni fa; Cutrone per ora serve alla Under 21; magari a marzo si tenterà un nuovo recupero azzurro di Mario Balotelli, che ha indiscutibili limiti ma pare comunque più forte di chi ha giocato ( e sbagliato) in queste ultime partite. Comunque il bilancio di questo 2018 targato mancini è positivo: l’Italia è tornata ad essere una squadra, l’impegno non manca mai, si vedono progressi sul piano del gioco. Bene anche il graduale inserimento di promesse come Sensi, Grifo, Kean, Tonali ( che a Genk non ha giocato, ma presto avrà altre occasioni). L’Italia tornerà in campo a marzo per le qualificazioni europee. Il 2 dicembre a Dublino si terrà il sorteggio per la formazioni dei gironi: grazie al secondo posto nel gruppo di Nations League, gli azzurri saranno teste di serie. Ma occhio alla Germania che sarà in seconda fascia.

Italia, la strada è giusta ma servono i goal