Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Agrigento: interrogatorio per 6 ore il comandante della Sea Watch, perquisita la nave ancora sotto sequestro a LIcata
- Roma: modifiche al decreto sicurezza, restano le multe per le navi delle ong che non rispettano le regole, saltano quelle per il soccorso ai migranti
- Roma: intercettata busta contenente un proiettile indirizzata a Salvini, il ministro degli interni, non mi fanno paura
- Roma: caso Cucchi, l'Arma dei carabinieri, il ministero della Difesa e il Viminale chiedono di costituirsi parte civile nel processo sui presunti depistaggi
- Roma: torna libera Debora Sciacquatori, la 19enne che ha ucciso il padre violento, accusa derubricata in eccesso colposo di legittima difesa
- Francia: Ocse su situazione economica dell'Italia, secondo l'Economic Outlook crescita stagnante nel 2019, modesta nel 2020
- Bruxelles: via libera dall'Ue, dal 2021 vietati oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce
- Gb: Brexit, premier May apre alla possibilità che la Camera dei Comuni voti un emendamento che chieda un secondo referendum
- Mirandola (Mo): incendio nella sede della Polizia municipale, due morti e due feriti, arrestato un nordafricano
- Automobilismo: morto a 70 anni l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della F1, tre volte campione del mondo
- Calcio: corsa alla panchina della Juventus, entra in scena Zidane, buone chances per Sarri, Conte sempre più vicino all'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
24 novembre 2018

Italia travolta dagli All Blacks, la Nuova Zelanda passeggia

I Campioni del mondo vincono 66 a 3, non c’è stata mai partita all’Olimpico, prova a tratti imbarazzante degli azzurri

Una lezione durissima. L’Italia è stata travolta dalla Nuova Zelanda 66 a 3, in una partita che è esistita per non più di cinque minuti. Tolta la punizione, che momentaneamente ci ha portato a due sole lunghezze in apertura, è stato uno show degli All Blacks. Nulla di cui meravigliarsi, stiamo parlando della squadra più forte al mondo per distacco. Il problema, problema grosso, degli azzurri è stata la manifesta impotenza mostrata in campo. Troppo molli in difesa, inesistenti in avanti, gli uomini di O’ Shea si sono mostrati al più uno sparring partner e neppure di buon livello. Il movimento azzurro si trova in un passaggio di straordinario delicatezza. I talenti latitano e questa non è una novità, ma ora sembra mancare anche quella che è la nostra forza tradizionale: il cuore, la grinta, la capacità di limitare gli avversari in difesa e nei pacchetti di mischia. La strada per risalire sarà lunga, gli All Blacks ce l’hanno brutalmente ricordato.

Italia travolta dagli All Blacks, la Nuova Zelanda passeggia