Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Cherif Chekatt localizzato e ucciso dalle forze speciali, in un deposito del quartiere di Neudorf, dove era stato visto per l'ultima volta
- Francia: il killer era armato di una pistola e di un coltello, aveva minacciato i poliziotti, sparando per primo, nessun ferito tra gli agenti
- Bruxelles: manovra con deficit al 2,04%, dopo vertice Juncker-Conte, commissario Ue Moscovici, ancora non ci siamo, ma vogliamo l'accordo
- Milano: i giudici stabiliscono che il caso mense di Lodi è discriminazione, il regolamento che penalizza gli stranieri deve cambiare
- Costa Rica: rapinato e ucciso con un coltello, Gianfranco Pescosolido, 56 anni, abitava nel Paese da anni, era uscito per una passeggiata in un parco
- Calcio: Europa League, Lazio-Eintracht Francoforte 1-2, biancazzurri già qualificati, fuori dai sedicesimi per differenza reti il Milan, battuto 3-1 dall' Olympiakos
- Calcio: ufficiale, l'ex direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, è il nuovo amministratore delegato dell'Inter per l'area sportiva
- Nuoto: mondiali in Cina, argento per Simona Quadarella, secondo posto negli 800 metri stile libero in vasca corta
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 dicembre 2018

Italiani più indebitati, pesano sanità e bollette

Fra le cause anche investimenti sbagliati e spese legali per le separazioni e i divorzi

Le famiglie italiane sono sempre più indebitate, per colpa degli stipendi ingessati e dell’andamento dell’economia, fra crisi lavorativa e un aumento significativo del costo della vita. Così sempre più nuclei familiari ricorrono a prestiti, causati dalle spese sanitarie, dal pagamento delle bollette ma anche da investimenti sbagliati e spese legali per le separazioni e i divorzi. Lo dimostra un’indagine condotta da Kruk, la multinazionale polacca che si occupa della gestione del credito, che ha riguardato un campione di ottocento persone, con età compresa tra i 18 e i 74 anni in Italia.

Italiani più indebitati, pesano sanità e bollette

Tra le persone intervistate, l’87% ha ammesso di ricorrere a finanziamenti presso le banche, il 41% presso società finanziarie o intermediari che offrono pagamenti rateali all’interno dei singoli punti vendita. Così l’indebitamento delle famiglie aumenta, e riguarda principalmente la prima casa (per il 45%). Non sono però esclusi i beni durevoli (40%), tra cui auto, elettrodomestici, o spese sanitarie (8%).