Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: caso Maugeri, la Cassazione, 5 anni e 10 mesi all'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni
- Roma: la Camera approva mozione della maggioranza sulla Tav, impegna il governo a ridiscutere il progetto
- Foligno: scuola, maestro umilia bimbo di colore, guardate quanto è brutto, Miur, sarà sospeso in via cautelare
- Roma: premier Conte precisa, non necessaria una manovra correttiva, misure prudenziali ci mettono al riparo
- Roma: Diciotti, sbarco ritardato, 41 migranti chiedono risarcimento all'Italia, una somma fino a 71mila euro
- Vaticano: Papa apre summit su protezione dei minori nella Chiesa e invoca contro la pedofilia misure concrete
- Calcio: Europa League, ritorno dei sedicesimi di finale, Napoli-Zurigo 2-0, Inter-Rapid Vienna 4-0, Napoli ed Inter agli ottavi
- Sci, mondiali di fondo, sprint a tecnica libera, argento per Federico Pellegrino, oro al norvegese Klaebo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 dicembre 2018

Italiani più indebitati, pesano sanità e bollette

Fra le cause anche investimenti sbagliati e spese legali per le separazioni e i divorzi

Le famiglie italiane sono sempre più indebitate, per colpa degli stipendi ingessati e dell’andamento dell’economia, fra crisi lavorativa e un aumento significativo del costo della vita. Così sempre più nuclei familiari ricorrono a prestiti, causati dalle spese sanitarie, dal pagamento delle bollette ma anche da investimenti sbagliati e spese legali per le separazioni e i divorzi. Lo dimostra un’indagine condotta da Kruk, la multinazionale polacca che si occupa della gestione del credito, che ha riguardato un campione di ottocento persone, con età compresa tra i 18 e i 74 anni in Italia.

Italiani più indebitati, pesano sanità e bollette

Tra le persone intervistate, l’87% ha ammesso di ricorrere a finanziamenti presso le banche, il 41% presso società finanziarie o intermediari che offrono pagamenti rateali all’interno dei singoli punti vendita. Così l’indebitamento delle famiglie aumenta, e riguarda principalmente la prima casa (per il 45%). Non sono però esclusi i beni durevoli (40%), tra cui auto, elettrodomestici, o spese sanitarie (8%).