Kanye West ha investito 6 milioni di dollari per la sua campagna presidenziale

05 settembre 2020, ore 17:03

Il rapper è ancora troppo indietro nei sondaggi, che, però, rilevano che può essere ancora determinante nella corsa alle presidenziali

Kanye West ha investito 6,76 milioni di dollari nella sua campagna presidenziale, anche se questo, per il momento, non ha portato ai risultati sperati. E’ quanto emerge da un rapporto di finanziamento presentato alla Commissione federale per le elezioni.

Come sono distribuite le spese

Dal rapporto risulta che le maggiori spese per la campagna presidenziale di Kanye West sono state a favore di varie società di consulenza specializzate in “servizi di accesso al voto”. Quasi 2,7 milioni di dollari sono andati a una società denominata Millennial Strategies che ha fornito una vasta gamma di servizi, tra cui consulenza per la gestione delle campagne, servizi legali e sondaggi. Altri 1,3 milioni di dollari sono andati alla Atlas Strategy Group, guidata dall'ex direttore esecutivo dell'Unione conservatrice americana Gregg Keller, per servizi di accesso al voto simili, secondo quanto previsto nel rapporto. Un’altra grande parte degli investimenti per la campagna presidenziale di Kanye West sono, invece, andati alla Fortified Consulting, pagata circa 1,5 milioni di dollari per servizi simili alle precedenti società. L'azienda, inoltre, ha ricevuto un ulteriore 1,2 milioni di dollari dalla campagna, somma che non è inclusa nella spesa totale. Kanye West ha speso anche un totale di circa 404mila dollari in spese legali e 95mila in servizi di jet privati.

Kanye West ha investito 6 milioni di dollari per la sua campagna presidenziale

Le irrisorie donazioni degli elettori

Mentre, però, gli investimenti da parte di Kanye West sono stati massicci, non lo sono altrettanto le donazioni degli elettori, visto che dal rapporto emerge che la campagna ha ricevuto soltanto 11mila dollari in contributi esterni, di cui solo 3.850 dollari per importi sufficientemente elevati da poter essere riportati individualmente. I maggiori donatori di West sono Mac Tylor, che lavora nel design alla Apple, e Laurence Chandler, uno stilista che ha ha partecipato alla creazione della linea di abbigliamento del rapper americano. Ciascuno ha dato alla campagna mille dollari.

Perché Kanye West può essere ancora determinante nelle elezioni presidenziali?

Per il momento la campagna non sta dando i sui frutti, visto che solo 10 stati riportano effettivamente il nome di Kanye West tra gli eleggibili, e visto che i sondaggi lo danno al 2%, popolare soprattutto tra gli elettori che vanno dai 18 ai 34 anni. Solo il 20% degli elettori, inoltre, ha una opinione positiva nei suoi confronti, contro il 70% di negative. Kanye West, in sostanza, ha pochissime possibilità di gareggiare per lo Studio Ovale ma, secondo alcuni sondaggi, potrebbe comunque provocare il caos in una manciata di Stati determinanti per le elezioni di novembre. "Kanye West non raccoglierà abbastanza elettori per diventare presidente. Ma può raccogliere abbastanza elettori per determinare l'esito di queste elezioni", ha detto il sondaggista Terrance Woodbury. Qualsiasi candidato può, infatti, rappresentare un rischio in un'elezione serrata, perché potrebbe togliere voti importanti ad uno dei due candidati, e i sondaggisti affermano che questo è ancora più vero quando il terzo candidato ha una popolarità della portata di Kanye West.


Tags: campagna elettorale, elezioni, Kanye west, presidente, soldi

Share this story: