La fine di un mito, i coffee shop di Amsterdam presto potrebbero essere vietati ai turisti

11 gennaio 2021, ore 19:00

Le caffetterie della città olandese sono celebri per il fatto che al loro interno si può consumare cannabis

Quando, a pandemia terminata, i turisti stranieri torneranno finalmente nelle storiche strade di Amsterdam fiancheggiate da canali, una delle principali attrazioni della città potrebbe essere vietata.


La scelta del sindaco

Il sindaco di Amsterdam, Femke Halsema, ha proposto una nuova politica che vieterebbe ai visitatori stranieri di accedere alle caffetterie della città. Ad Amsterdam ci sono 166 locali in cui è possibile consumare cannabis. Rappresentano quasi il 30% delle caffetterie dei Paesi Bassi. In una lettera ai consiglieri dell'8 gennaio, Halsema ha proposto di introdurre un particolare criterio che consenta solo ai residenti di utilizzare i coffee shop. L'obiettivo è quello di rendere più gestibile il turismo in città e di controllare la filiera dei coffee shop. Halsema discuterà le misure con il consiglio comunale di Amsterdam alla fine del mese.


Bloccati dal Covid

In linea con le misure di contrasto al Covid-19, ad Amsterdam, i negozi non essenziali, comprese le caffetterie, sono attualmente chiusi sebbene i coffee shop siano autorizzati all'asporto e alla consegna a domicilio. Il sito web della città attualmente consiglia ai turisti di non recarsi in città se non necessario, ma Halsema sta guardando avanti a quando torneranno gli stranieri dopo che la minaccia Covid si sarà placata.


Un dibattito aperto

Il dibattito sui coffee shop di Amsterdam è aperto da molti anni. La discussione si è accesa nel 2011 e nel 2012 con la città che si era allora opposta alla proposta di introdurre l'ingresso per soli residenti nei coffee shop dei Paesi Bassi, come accade a Maastricht, nel sud del paese. In Olanda l'acquisto di cannabis da una caffetteria è legale, ma la produzione di cannabis rimane illegale. Nel luglio del 2019, Halsema ha scritto ai consiglieri dicendo che le caffetterie della città possono mettere "sotto pressione la qualità della vita nel centro". Secondo un sondaggio dell'agosto 2019, che ha interpellato 1.100 visitatori internazionali di età compresa tra 18 e 35 anni che stavano visitando il quartiere a luci rosse di Amsterdam, oltre la metà degli intervistati ha affermato di aver scelto di visitare la capitale olandese perché voleva provare un cannabis cafè. I risultati sono stati che il 34% ha indicato che sarebbe venuto ad Amsterdam meno spesso se non fosse stato in grado di visitare i bar e l'11% ha detto che non sarebbe venuto affatto. Il rapporto suggerisce che le caffetterie della città hanno un fascino più forte per i turisti internazionali rispetto al quartiere a luci rosse. Solo l'1% degli intervistati ha citato la prostituzione in vetrina come motivo principale della propria visita, mentre il 72% ha affermato di aver visitato un bar durante il suo periodo ad Amsterdam. Un effetto collaterale di queste nuove misure potrebbe essere uno spostamento verso il mercato illegale della cannabis, ma ci si aspetta che sia temporaneo.    
La fine di un mito, i coffee shop di Amsterdam presto potrebbero essere vietati ai turisti
Tags: Amsterdam, cannabis cafè, coffee shop, Covid, Olanda, Paesi Bassi, turisti

Share this story: