Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: attentato di Strasburgo, il giovane giornalista italiano Antonio Megalizzi, colpito alla testa da un proiettile, è in condizioni disperate
- Francia: attentato di Strasburgo, sempre in fuga il killer Cherif Chekatt, avrebbe detto di aver agito per vendicare i morti in Siria
- Roma: trattativa con l'Europa sulla manovra, comunicato congiunto Salvini-Di Maio, piena fiducia nel lavoro del premier Conte
- Bruxelles: Moscovici sulla manovra italiana, ancora non ci siamo, ma i mercati promuovono l'accordo Conte-Juncker, con deficit al 2,04%
- Roma: acceso il confronto nel governo, si deve decidere cosa tagliare per far scendere il deficit al 2.04% come promesso all'Europa
- Grosseto: venti bambini intossicati dal monossido di carbonio durante una festa di compleanno, ma non sono in gravi condizioni
- Turchia: incidente a un treno dell'Alta Velocità, si schianta contro un cavalcavia, bilancio di 9 morti e 47 feriti
- Francia: ad Avignone un manifestante dei gillet gialli investito e ucciso da un TIR, aveva 23 anni, il camionista è in stato di fermo
- Calcio: Europa League, alle 18.55 Lazio-Eintracht Francoforte, alle 21.00 Olympiakos-Milan, biancocelesti già qualificati, rossoneri a un passo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 novembre 2018

Libia, seconda giornata della Conferenza a Palermo

Prevista una serie di incontri del Premier Giuseppe Conte con i principali protagonisti libici, il generale Haftar diserta l’incontro principale

È iniziata stamattina la seconda giornata di lavori a Villa Igiea a Palermo per la Conferenza sulla Libia organizzata dal governo italiano. L'uomo forte di Bengasi, il generale Khalifa Haftar, non prenderà parte all'assemblea plenaria, come dichiarato dal suo portavoce. Il Premier Giuseppe Conte nelle scorse ore ha invitato il presidente del governo libico riconosciuto dall'Onu, Fayez al Sarraj, il presidente del Parlamento di Tobruk, Aguila Saleh e il presidente dell'Alto Consiglio di Stato Khaled al Meshri​ ad essere i "padri nobili" del futuro del loro Paese. 

Libia, seconda giornata della Conferenza a Palermo