Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Tennis: Montecarlo, in corso la finale tra Fabio Fognini e il serbo Dusan Lajovic, l'azzurro vince il primo set per 6-3
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
27 ottobre 2018

Lusso punta a Cina online, Richemont e Alibaba alleati

E' boom di miliardari cinesi, in 12 anni passati da 16 a 373

Il lusso guarda sempre piu' al mercato cinese, soprattutto online. Il gruppo svizzero Richemont si e' alleato con l'ecommerce di Alibaba per portare ai clienti cinesi d'alta gamma, in patria come in viaggio, l'offerta di Yoox Net-A-Porter, la azienda italiana delle vendite in internet di moda. L'intesa e' figlia della strategia di crescita, anche nel web, perseguita da terzo gruppo mondiale del lusso, capace di macinare oltre 10 miliardi di euro di ricavi grazie a marchi come Cartier e Montblanc. Non a caso Richemont solo pochi mesi fa ha speso 2,7 miliardi di euro per comperarsi tutta Ynap. Nel settore infatti gli occhi sono tutti puntati sull'Asia, Cina in particolare, e sul commercio virtuale. Si stima che 2025 i consumatori cinesi saranno quasi la meta' del mercato globale di fascia alta. Secondo un rapporto di Ubs e Pwc in nemmeno dodici anni in Cina si e' passati da 16 miliardari (in dollari) a 373, quasi un quinto del totale mondiale. L'anno scorso il patrimonio dei Paperoni cinesi e' balzato del 39% a 1.120 miliardi, con 89 imprenditori che sono entrati nel club dei super-ricchi. Un crescente numero di persone sempre piu' 'affamate' di prodotti di lusso. Richemont e Alibaba non vogliono farsi trovare impreparate. La partnership siglata oggi rafforzera' la posizione del gruppo svizzero nell'ecommerce in Cina (dove Ynap e' gia' presente) senza aprire negozi fisici ma accedendo agli oltre 600 milioni di clienti che frequentano le piattaforme Alibaba. Questa, dal canto suo, che da tempo deve affrontare il problema della contraffazione sulle sue piattaforme, grazie a Richemont e Ynap avra' da oggi necessaria credibilita' per vendere articoli costosi come gioielli o orologi. Non a caso Federico Marchetti, ad di Ynap, ha assicurato che "offriremo ai nostri partner le medesime garanzie di qualita' anche nel mercato cinese online". Entrambe le societa', mentre la guerra dei dazi rende le autorita' cinesi piu' attente alle importazioni, godranno del vantaggio di vendere direttamente ai consumatori cinesi in patria. Nel dettaglio la joint venture tra Ynap (che ha il 51%) e Alibaba (49%) realizzara' app di Net-A-Porter e Mr Porter cucite su misura sul consumatore cinese, e i negozi virtuali dei due marchi entreranno sul Tmall Luxury Pavilion di Alibaba. I cinesi daranno supporto tecnologico e di marketing, oltre che nei pagamenti e nella logistica. La notizia e' stato colta positivamente dalla Borsa, con Richemont che ha chiuso in rialzo dello 0,28 %. 

Lusso punta a Cina online, Richemont e Alibaba alleati