Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Bruxelles: manovra con deficit al 2,04%, dopo incontro Juncker-Conte parla il commissario Ue Moscovici, ancora non ci siamo
- Francia: attentato di Strasburgo, nessuna speranza per l'italiano Antonio Megalizzi, colpito alla testa, è in coma irreversibile
- Roma: Campidoglio, condannato a 3 anni sei mesi Raffaele Marra, ex capo del personale del Comune, accusato di corruzione
- Francoforte: la Bce conferma il livello dei tassi di interesse, il principale resta fermo allo 0%, decisione in linea con i mercati
- Calcio: Europa League, 18.55 Lazio-Eintracht Francoforte, 21.00 Olympiakos-Milan, i rossoneri a un passo dalla qualificazione
- Calcio: ora è ufficiale, l'ex dg della Juventus, Beppe Marotta, è il nuovo amministratore delegato dell'Inter per l'area sportiva
- Nuoto: mondiali in Cina, argento per l'Italia, Simona Quadarella ottiene il secondo posto negli 800 stile libero in vasca corta
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
17 novembre 2018

Mafia, confiscati beni per 21 milioni a due imprenditori

Sono ritenuti vicini al boss latitante Matteo Messina Denaro, avrebbero gestito il meccanismo di aggiudicazione di lavori pubblici e la loro esecuzione

La polizia e la guardia di Finanza di Trapani hanno confiscato 52 appartamenti, 9 villini, 11 magazzini, 8 terreni, 19 garage, autovetture, conti correnti e società, per un valore stimato di circa 21 milioni di euro, a carico di due imprenditori ritenuti essere stati collusi con esponenti delle "famiglie mafiose" della provincia, attivi nell'edilizia, che hanno operato nel settore dei lavori appaltati da enti pubblici in Sicilia su mandato del boss latitante Matteo Messina Denaro. Le indagini hanno evidenziato l'appartenenza dei due ad un gruppo di imprenditori che "Cosa nostra" ha utilizzato, su mandato del "rappresentante provinciale" Matteo Messina Denaro per esercitare, per oltre un decennio, il condizionamento nelle fasi di aggiudicazione di appalti, nell'esecuzione delle opere e nelle forniture. In particolare, il vertice mafioso, gestiva tramite gli imprenditori, i meccanismi di controllo illecito sull'aggiudicazione dei lavori pubblici e sulla esecuzione dei lavori, prevedendo che l'impresa aggiudicataria versasse una percentuale ai funzionari pubblici corrotti ed alla famiglia mafiosa di Trapani.

Mafia, confiscati beni per 21 milioni a due imprenditori