Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: Commissione Ue boccia in via definitiva la manovra italiana, verso procedura di infrazione, premier Conte, impianto valido
- Bruxelles: manovra bocciata, commissario Moscovici, servono dialogo e sangue freddo ma la porta della Commissione Ue resta aperta
- Kenya: ancora nessuna notizia della volontaria italiana di 23 anni rapita a Chakama, Silvia Romano lavora per la Onlus Africa Milele
- Roma: Casamonica, in corso abbattimento delle villette abusive del clan, sindaco Raggi, restituiremo il territorio ai cittadini
- Milano: catturato nella notte sedicente lupo solitario dell'Isis, in manette un egiziano di 22 anni, espulsi due suoi connazionali
- Strasburgo: sarà pubblicata martedì 27 novembre dalla Corte dei diritti umani la sentenza definitiva sul ricorso di Silvio Berlusconi contro la legge Severino che lo aveva fatto decadere da senatore
- Calcio: Marotta a un passo dall’Inter, impressione positiva, così il dirigente oggi al rientro dal vertice con Suning in Cina
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
20 ottobre 2018

Manovra, Di Maio, smentisco taglio, deficit resta al 2,4%

Il vicepremier si è detto felice che la Lega dica no al condono

"A nome del Governo smentisco che si sia pensato a una riduzione del deficit, che resta al 2,4%. Se dovessimo ridurlo, non avremmo la riforma alla Fornero, il reddito di cittadinanza". Lo ha puntualizzato il vicepremier Luigi Di Maio, che ha aggiunto di aver accolto il responso di Moody's con un grande sorriso. Il vicepremier ritiene invece superato il nodo del condono. "Ora smettiamola con il dire che c'è panna montata. Non la buttiamo in caciara, togliamo di mezzo il condono per gli evasori e andiamo avanti. Ci fa molto piacere e siamo felici del no della Lega al condono. Sono amici ritrovati", ha aggiunto Di Maio.



Manovra, Di Maio, smentisco taglio, deficit resta al 2,4%