Manovra, fra sorprese e tensione

 17 ottobre 2019

L’ultima versione non piace ai 5S, che vogliono un nuovo cdm, ma per ora Conte dice no

Da un lato le novità, soprattutto nel decreto fiscale, dall’altro le frizioni nella maggioranza. E allora, c’è un nuovo prestito ponte per Alitalia, c’è l'Iva al 22% sulle lezioni di scuola guida, comprese quelle di volo e nautico, ci sono aumenti in busta paga di 90 euro lordi al mese per i dipendenti pubblici, c’è la tassa sulle bibite gasate. Ma dentro gli stessi 5 stelle c’è malumore, ad esempio per la stretta sul contante, Luigi Di Maio chiedeva una nuova riunione del governo lunedì prossimo, Giuseppe Conte ha detto no. E il capo politico 5s ha dichiarato: "Non posso accettare che lo Stato faccia il debole con i forti e il forte con i deboli e che il simbolo dell'evasione sia l'elettricista, l'idraulico o il tassista". Sulle barricate anche Confedilizia per le nuove tasse sulla casa, e pure Confindustria per le nuove imposte sui giochi. Ma secondo il premier “la manovra non aumenta le tasse ed è a favore di lavoratori e imprese”. Duro però dalla Lega il segretario Matteo Salvini: “Il provvedimento è una legge Dracula su disabili e partite Iva”.
Manovra, fra sorprese e tensione

Share this story: