Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: oggi ultimo giorno di campagna elettorale per le elezioni europee, si vota domenica dalle 7.00 alle 23.00
- Milano: il ministro dell'Interno Salvini a Rtl 102.5, voglio portare al 15% le tasse in Italia, ma l'Europa dice no, bisogna cambiare regole e vincoli con Bruxelles
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102.5, la norma sull'abuso d'ufficio va cambiata, altrimenti l'Italia si blocca, ma Di Maio ribadisce il suo No
- Londra: il premier Teresa May annuncia con commozione le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit
- Genova: la Procura apre una inchiesta sui poliziotti che ieri hanno malmenato un giornalista al seguito di una manifestazione
- Torino: leggermente migliorate, ma sempre molto gravi, le condizioni della neonata partorita dopo che la madre era stata investita sulle strisce da un pirata della strada
- Lamezia Terme (CZ): arrestato un maestro d'asilo di 64 anni, accusato di violenza sessuale su minori
- Usa: abusi sessuali a Hollywood, il produttore Harvey Weinstein va verso un patteggiamento da 44 milioni di dollari
- Losanna: il CIO promuove la candidatura di Milano e Cortina per le Olimpiadi Invernali del 2026, soddisfa tutti i criteri, rilevate criticità per Stoccolma
- Calcio: Maurizio Sarri di nuovo in pole position per la Juventus, a Londra avrebbe incontrato il dirigente bianconero Fabio Paratici
- Ciclismo: Giro d'Italia, oggi la 13esima tappa con arrivo in salita a Ceresole Reale, in maglia rosa lo sloveno Polanc
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 marzo 2019

Manuel Bortuzzo, se incontrassi chi mi ha sparato riderei

L'atleta è rimasto paralizzato alle gambe dopo essere stato ferito nella notte tra il 2 e il 3 febbraio

Manuel Bortuzzo, il 19enne nuotatore veneto rimasto paralizzato alle gambe dopo essere stato ferito nella notte tra il 2 e il 3 febbraio alla periferia sud di Roma ha parlato questa mattina, spiegando: "Dove mi vedo tra 10 anni? Spero in piedi". L’atleta del gruppo sportivo delle Fiamme Gialle ha aggiunto: "Incontrare chi mi ha sparato? Non cambierebbe nulla, ma se me lo trovassi davanti mi metterei a ridere perché non ha senso quello che hanno fatto. Non si tratta di perdonarli o meno". Nell’incontro con la stampa Bortuzzo ha spiegato: "Il sorriso c'era prima e c'è adesso, non sono cambiato. Manuel che piange è molto raro ma ci sono stati momenti, soprattutto a inizio terapia, in cui non riuscivo nemmeno a girarmi sul lettino. Lì sono stato colpito da un po' di sconforto ma ora ci rido su, perché riesco a girarmi benissimo. Sono fortunato che mi sono ripreso al 110 percento. Ok, non ho più l'uso delle gambe, ma sopra sono perfetto. Forse il terrore più grande era quello di non tornare più me stesso". 

Manuel Bortuzzo, se incontrassi chi mi ha sparato riderei