Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Uk: il ministro per la Brexit Raab si è dimesso dopo il via libera del Governo britannico alla bozza di accordo di Bruxelles, il 25 novembre vertice europeo straordinario
- Uk: Brexit, sterlina in picchiata dopo le dimissioni di Raab, quotata 1,367 su euro, -1,08%
- Roma: manovra, il ministro Salvini, non ci muoviamo di un millimetro
- Milano: frenata brusca sulla metro, dieci persone sono rimaste ferite, Atm, scattato il sistema d'emergenza
- USA: incendi in California, cresce il bilancio delle vittime, 56 i morti, 130 dispersi
- USA: il vicepresidente americano Pence, all'inizio del 2019 il secondo vertice tra Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un
- Emirati Arabi Uniti: il premier Conte è ad Abu Dhabi, incontro bilaterale con il principe ereditario dell'Emirato
- Calcio: Nations League, l'Italia in ritiro a Coverciano, sabato a Milano gli azzurri sfideranno il Portogallo, oltre 60 mila biglietti venduti, martedì la partita contro gli Stati Uniti
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
05 novembre 2018

Massimo Lopez e Tullio Solenghi in teatro a Milano

Da domani al Manzoni tra sketch dei Papi e una dedica speciale ad Anna Marchesini

Due amici si ritrovano su uno dei palcoscenici che li lanciò oltre 40 anni fa: dal 6 all'11 novembre Massimo Lopez e Tullio Solenghi portano al Teatro Manzoni di Milano il loro show che è a loro intitolato e che li vede insieme dopo 15 anni. "Quando abbiamo debuttato qui, io nel 1970 con Lina Volonghi e Massimo nel 1976 con Giorgio Albertazzi, il teatro era molto diverso - dice Solenghi, presentando lo spettacolo oggi a Milano -. Ora il teatro è come il Wwf: avere 100 repliche alle spalle e altre 120 quest'anno è straordinario". I due attori tornano con sketch, parodie, imitazioni e improvvisazioni che promettono anzitutto l'alchimia di sempre: "Non abbiamo secondi fini, non dobbiamo dimostrare nulla, non c'è strategia, ma pura voglia di divertirsi e divertire", spiega Lopez. Il filo rosso è proprio il divertissement: "Non c'è una linea consequenziale, come ai tempi del Trio: il nostro è un processo creativo a scatole cinesi, basta un momento, uno sguardo per scaturire la situazione successiva", illustra Solenghi. In scena si succedono momenti surreali, come un dialogo tra i papi Ratzinger (Solenghi) e Bergoglio (Lopez): "Quella scena facciamo fatica a portarla alla fine, tanto ci viene da ridere - rivela Solenghi -. Scatta la sindrome delle nostre telenovelas". Un segno di continuità con il loro humour storico: "Il nostro tipo di comicità è rimasto quello perché non potremmo fare altrimenti: abbiamo sempre cercato il nonsense con un linguaggio popolare. Ci accostarono ai Monty Python, ma non li conoscevamo", dice Solenghi. A proposito del Trio, lo spettacolo riserva una dedica ad Anna Marchesini: "Abbiamo voluto rendere questo momento il meno retorico possibile, ma tutto lo spettacolo è concepito immaginando Anna sempre al nostro fianco. Abbiamo addirittura scritto sullo stesso divano dove lavoravamo con lei". Tranne uno sketch sui luoghi comuni delle condoglianze, il materiale tuttavia è interamente originale, e lo accompagna la musica della Jazz Company diretta da Gabriele Comeglio: "Li abbiamo voluto per dare quel senso di improvvisazione, di cose fatte li' per li'".

Massimo Lopez e Tullio Solenghi in teatro a Milano