Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: polemiche su un audio del portavoce di Palazzo Chigi Rocco Casalino, pronti a cacciare dipendenti Mef, lui ribatte, violata la mia riservatezza, era un dialogo privato con due giornalisti
- Roma: governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, il rapporto tra debito pubblico e Pil presto sarà su traiettoria insostenibile, cautela nel ricorso a disavanzo
- Lituania: Papa Francesco è nella capitale Vilnius, prima tappa del suo viaggio nei paesi baltici, il Pontefice, nel mondo crescono le voci che seminano divisione
- Roma: in corso il primo trapianto di faccia in Italia, equipe medica al lavoro all'ospedale Sant'Andrea, la ricevente è una donna di 49 anni, la donatrice una di 21 anni
- Calcio: serie A, oggi tre anticipi, Parma-Cagliari 2-0, Fiorentina-Spal 3-0, Sampdoria-Inter 0-1
- Motomondiale: Gran Premio di Aragona, pole position per Lorenzo su Ducati, nelle qualifiche secondo tempo per il compagno di scuderia Dovizioso, terzo per Marquez su Honda
- Volley: mondiali, seconda fase, questa sera, alle 21.15, Italia-Russia, ieri gli azzurri hanno battuto la Finlandia 3-0
14 settembre 2018

Mattarella, serve concretezza delle scelte per Genova

A un mese dal crollo del Ponte Morandi il presidente della Repubblica auspica "tempi rapidi, trasparenza e competenza" ​

"Genova non attende auguri o rassicurazioni ma la concretezza delle scelte e dei comportamenti". Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un intervento sulla Stampa e Secolo XIX a un mese dal disastro: la città "è stata colpita da una tragedia inaccettabile" e "ricostruire è un dovere. Ritrovare la normalità, una speranza che va resa concreta. Bisogna farlo in tempi rapidi, con assoluta trasparenza, con il massimo di competenza". L'immagine che la città ha dato di sé, "in quei giorni di lutto e di smarrimento non è stata soltanto di profondo dolore, ma anche di grande solidarietà e di forza d'animo", scrive. "Quella stessa solidarietà, alta, responsabile, coraggiosa, disinteressata, che ha caratterizzato i genovesi e i soccorritori", afferma, è "la chiave di volta per superare la condizione che si è creata". Con un impegno collettivo, nazionale e locale, pubblico e privato, perché "ricostruire è un dovere. Ritrovare la normalità, una speranza che va resa concreta". ​

Mattarella, serve concretezza delle scelte per Genova