Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Francia: Lione, esplode uno zaino bomba per strada, almeno tredici feriti, tra cui una bambina, nessuno è in pericolo di vita Macron, è un attacco, caccia all'uomo, diffusa la foto di un sospetto
- Roma: le elezioni europee, e le amministrative oggi giornata di silenzio, si voterà domenica dalle 7.00 alle 23.00
- Londra: Teresa May annuncia, in lacrime, le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit, un nuovo premier arriverà presto
- Genova: la Procura ha aperto una inchiesta sui poliziotti che ieri hanno malmenato un giornalista al seguito di una manifestazione, il procuratore Cozzi, assurdo colpire cronista
- Novara: bambino di nemmeno due anni arrivato morto in ospedale, indagati per omicidio volontario la madre e il suo compagno, i due parlano di una caduta dal letto, ma le lesioni non sono compatibili con la caduta secondo l'autopsia
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata una testa in marmo bianco di età imperiale, si tratterebbe di una divinità, potrebbe essere la raffigurazione di Dioniso
- Ciclismo: il russo Zakarin vince per distacco la 13esima tappa del Giro d'Italia con arrivo a Ceresole Reale, lo sloveno Polanc ancora in maglia rosa
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 novembre 2018

Migranti, sgomberato a Roma il presidio Baobab

Accolti in altre strutture 80 migranti su 200 del presidio umanitario nei pressi della stazione Tiburtina

Ventidue sgomberi in poco meno di tre anni. E' la 'via crucis' del presidio di accoglienza del Baobab che offre assistenza ai migranti in transito nella Capitale. Il primo risale a dicembre 2016 quando i migranti e i volontari erano nel centro di accoglienza di via Cupa. L'intervento scatto' a causa del "repentino deterioramento delle condizioni sanitarie che di sicurezza" spiego' la Questura. Da quel momento i migranti finirono per strada, in tende, in un infinito vagabondare e confortati anche da una gara di beneficienza tra i romani. "All'epoca c'era il commissario straordinario Tronca - ricorda Andrea Costa, coordinatore di Baobab Experience - che ci consenti' di lasciare un 'hub informativo' a via Cupa. E' quello che chiediamo anche adesso, ossia la possibilita' di lasciare un gazebo fisso per dare informazioni ai migranti in transito. Ma al momento non abbiamo ricevuto risposta". Con la fine dell'esperienza di via Cupa il presidio umanitario del Baobab si sposto' in strada, a poche centinaia di metri con una tendopoli in piazzale Maslax, alle spalle della stazione Tiburtina, dove ogni giorno vengono offerti pasti caldi, assistenza sanitaria e informativa ai migranti che arrivano in citta'. "Sono quasi 80mila i migranti che abbiamo accolto in tre anni", dicono dal Baobab. Tra loro molte donne e moltissimi bambini. Il piazzale dove fino a stamani stazionavano i migranti e' simbolicamente dedicato a Maslax Moxamed un ragazzo somalo di 19 ani che, transitato per Baobab nell'agosto del 2016, riusci' a raggiungere il Belgio ma fu rispedito indietro (era un 'dublinante' per cui la domanda d'asilo doveva farla nel primo paese d'ingresso, ndr) e fini' in un centro di accoglienza vicino Roma per poi suicidarsi a marzo. "In questi anni non e' cambiato nulla - dice Costa - Resta un vuoto istituzionale sul tema accoglienza, aggravato dal decreto sicurezza". Tra i progetti che il Baobab rilancia anche quello di spostare l'accoglienza all'interno "dell'ex istituto ittiogenico, un palazzo abbandonato in zona Tiburtina che era di proprieta' della Regione a cui si penso' tre anni fa, ma l'idea nel 2015 poi si areno'". Ancora per il Baobab l'unica alternativa alla strada appare lo sgombero. 

Migranti, sgomberato a Roma il presidio Baobab