Milano, dopo il caso di Enea, un'altra neonata abbandonata dalla madre

Milano, dopo il caso di Enea, un'altra neonata abbandonata dalla madre

Milano, dopo il caso di Enea, un'altra neonata abbandonata dalla madre


La piccola sta bene, è stata portata dalla donna all’ospedale Buzzi

Minori sempre più spessp al centro della cronaca. Eppure, ci sono notizie che colpiscono più di altre, è il caso di quello che è accaduto nelle scorse ore nel capoluogo lombardo, tra l'altro  per la seconda volta nel giro di pochissimi giorni. Una neonata è stata abbandonata a Milano dopo il caso di Enea, il bambino lasciato la mattina di Pasqua alla clinica Mangiagalli. Oggi una donna, senza fissa dimora, ha partorito una bimba in un capannone in zona Quarto Oggiaro, poi ha chiamato il 118 e si è fatta portare  all'ospedale Buzzi in ambulanza. Successivamente si è assicurata che la piccola ricevesse tutte le cure del caso, decidendo di andare via senza riconoscerla. A chi ha cercato di assistere la 37enne che aveva appena dato alla luce la figlia, la neo mamma ha risposto di volere uscire immediatamente dal nosocomio. Una scelta di cui è stata informata la procura e che non rappresenta alcuna violazione di legge. Da quanto si apprende, la donna ha effettivamente lasciato l'ospedale  senza cambiare idea consentendo, comunque, alle forze dell'ordine di identificarla, prima di svanire nel nulla.


La bambina sta bene, hanno confermato i medici del Buzzi

La piccola, abbandonata dalla mamma, aveva solo un'ora di vita quando in tarda mattinata è giunta nella struttura sanitaria milanese. Pesa 2,6 chilogrammi, è stata messa subito in una termoculla per stabilizzare la temperatura corporea, così come è previsto in questi casi. Nel complesso sta bene. I parametri della bimba risultano buoni. La madre prima di abbandonare la figlia non ha voluto darle un nome, saranno quindi i medici dell'ospedale Buzzi, a cui è stata affidata la bimba, a decidere come si chiamerà la piccola. Il parto è avvenuto, si è appreso nelle scorse ore, in un capannone dismesso, un tempo sede di uffici. Ora bisognerà  attendere dieci giorni, al termine dei quali verranno avviate le  procedure di adozione ma solo se la madre naturale, nel frattempo, non avrà modificato la sua scelta.  Dalla modalità con cui è avvenuto l'abbandono questa mattina, si può ipotizzare che la donna di nazionalità italiana, apparsa più che decisa, non ritornerà sui propri passi.  



Argomenti

Enea
Agenzia Fotogramma
Bambina abbandonata a Milano.
culla
Mangiagalli
Quarto Oggiaro

Gli ultimi articoli di Alessandra Giannoli

  • Giacomo Bozzoli sorvegliato a vista nel carcere di Brescia chiede di vedere il figlio

    Giacomo Bozzoli sorvegliato a vista nel carcere di Brescia chiede di vedere il figlio

  • Gli angeli stiano con me, così Morgan  dopo le accuse di stalking ai danni di Angelica Schiatti

    Gli angeli stiano con me, così Morgan dopo le accuse di stalking ai danni di Angelica Schiatti

  • Ballottaggio in Francia,  in base alle proiezioni trionfa il Nuovo Fronte Popolare delle sinistre

    Ballottaggio in Francia, in base alle proiezioni trionfa il Nuovo Fronte Popolare delle sinistre

  • Bambina  di tre anni muore in un incidente alle porte di Palermo, il padre ubriaco guidava senza patente

    Bambina di tre anni muore in un incidente alle porte di Palermo, il padre ubriaco guidava senza patente

  • Giudicateci dai fatti,  così il nuovo premier britannico Starmer  dopo il primo Consiglio dei ministri

    Giudicateci dai fatti, così il nuovo premier britannico Starmer dopo il primo Consiglio dei ministri

  • Vigile urbano, positivo all'alcol test, investe e uccide una giovane mamma nel napoletano

    Vigile urbano, positivo all'alcol test, investe e uccide una giovane mamma nel napoletano

  • Mattarella ricorda la strage ferroviaria di Viareggio, la sicurezza nei trasporti deve prevalere su qualsiasi logica di profitto

    Mattarella ricorda la strage ferroviaria di Viareggio, la sicurezza nei trasporti deve prevalere su qualsiasi logica di profitto

  • In corso il Consiglio Europeo, a Bruxelles si tratta sulle nomine dei vertici delle istituzioni

    In corso il Consiglio Europeo, a Bruxelles si tratta sulle nomine dei vertici delle istituzioni

  • L’ira di Giorgia Meloni, sulle nomine ai vertici europei l’Italia messa in un angolo

    L’ira di Giorgia Meloni, sulle nomine ai vertici europei l’Italia messa in un angolo

  • Tragedia di Premariacco, ritrovato sulle sponde del fiume Natisone il corpo di Cristian

    Tragedia di Premariacco, ritrovato sulle sponde del fiume Natisone il corpo di Cristian