Sofia Goggia a RTL 102.5: “Sono venuta a Cortina per supportare le mie compagne, speriamo in una grande giornata per l'Italia

18 febbraio 2021, ore 09:00 , agg. alle 09:12

Mondiali di sci, Sofia Goggia è a Cortina per tifare le azzurre, oggi è il giorno del gigante femminile. Gara importante per le due punte italiane, Marta Bassino ci riprova, Federica Brignone ha chance da podio

Appena l'Italia è finita fuori ai quarti, la gara iridata per nazioni è stata messa nel dimenticatoio dagli azzurri. E tutta la concentrazione è subito così solo per la gara di oggi. A Cortina sarà infatti il giorno del gigante donne, con l'Italia che ha due campionesse come Marta Bassino e Federica Brignone che possono entrambe molto ragionevolmente andare a medaglia. RTL 102.5 ha intervistato Sofia Goggia arrivata a Cortina per supportare le sue compagne.


La Goggia a Cortina per tifare Italia

Per l'Italia e le due punte azzurre ci sarà anche il sostegno diretto di Sofia Goggia, la stella italiana dell'alta velocità infortunarsi proprio alla vigilia dei mondiali quando era data per certa vincitrice dell'oro in discesa, arrivata nella regina delle Dolomiti per fare il tifo per le sue compagne: "Io sto abbastanza bene, il recupero procede, sono qui a Cortina e c’è una sensazione di dispiacere di non esserci soprattutto visti i risultati della stagione, però poi ho avuto una grande emozione di felicità per l’oro di Marta nel parallelo e adesso me la voglio godere e sono venuta per supportare tutte le mie compagne, speriamo in una grande giornata per l’Italia”. “Nei primi giorni di questo Mondiale io ho voluto lasciare le mie compagne tranquille, loro sapevano che le avrei guardate con un occhio di riguardo da casa. Sembrava che questo Mondiale non volesse partire i primi giorni, ed è un peccato, Cortina è sempre stupenda invece le prime gare sono state annullate causa le condizione meteorologiche un po’ avverse. Poi però Cortina ha mostrato il lato suo più bello e credo che si siano disputate delle gare fantastiche e quale posto migliore per disputare un Mondiale in Italia”.

Intanto già la gara a squadre - oro alla Norvegia, argento alla Svezia e bronzo alla Germania che ai quarti aveva eliminato l'Italia con un netto 3-1 - ha messo in luce quanto sia importante il gigante donne. Bassino e Brignone hanno infatti disertato il team event, idem l'americana Mikaela Shiffrin, la slovacca Petra Vhlova e la svizzera Lara Gut-Behrami: inutile stancarsi e correre rischi alla vigilia di una giornata tanto importante. Ed infatti proprio nella gara a squadre la giovane friulana Lara Della Mea si è infortunata al ginocchio sinistro cadendo tra le porte del parallelo. Stagione finita.


Il parallelo a squadre

La gara a squadre - due uomini e due donne in pista per formazione con prove dirette di gigante parallelo - ha comunque vissuto belle emozioni anche se il destino dell'Italia è parso segnato dall'infortunio di Lara. La prova più  interessante è stata la finale per l'oro con lo scontro tra il norvegese Sebastian Foss-Solevaag e lo svedese Kristoffer Jakobsen. Lo svedese ha infatti vinto ma dopo aver invaso la pista del norvegese che si è fermato. La gara è stata così ripetuta ed ha vinto il norvegese.


Le due punte Bassino e Brignone

Ma per l'Italia è tempo di gigante rosa e vale l'impegno di Marta Bassino. "Non è finita qui e adesso voglio l'oro in gigante" ha detto chiaramente la piemontese dopo il titolo di parallelo. E sarebbe un oro meritato visto che Marta su sei gare di questa stagione ne ha vinto quattro ed ha ottenuto anche un terzo posto. E con la mentre sgombra da ansie, che sicuramente Marta ha ora dopo aver rotto il ghiaccio con l'oro nel parallelo. Agguerrita al cancelletto si presenta anche Federica Brignone, ancora titolare della coppa di gigante e con due secondi posti all'attivo in questa stagione. A Garmisch 2011 vinse l'argento in gigante e poi il bronzo alle Olimpiadi coreane del 2018. Insomma, Federica è una stella riconosciuta e temuta dello slalom gigante. In più deve smaltire in gara la rabbia accumulata nel parallelo dove è uscita nel duello con la Bassino, tradita dalla pista blu. Le rivali con cui le due italiane dovranno misurarsi sono però a loro volta big mondiali: Mikaela Shiffrin, Petra Vhlova, Tessa Worley, Lara Gut Behrami e Michelle Gisin . Di certo si annuncia una grandissima gara da seguire su RTL  102.5.

Sofia Goggia a RTL 102.5: “Sono venuta a Cortina per supportare le mie compagne, speriamo in una grande giornata per l'Italia

Le parole di Sofia Goggia

"Avevo voglia di immergermi nel mio mondo e non dal mondiale vissuto sul divano": Sofia Goggia, la grande assente dei mondiali di sci è arrivata ieri a Cortina e oggi sarà la tifosa azzurra numero uno. "Il gigante è l'ultima possibilità per le donne di andare a medaglia", ha detto in una conferenza stampa via zoom. "L'oro di Marta Bassino nel parallelo è stato una grande gioia - le parole della Goggia - il parallelo è una disciplina tutt'altro che scontata, un terno al lotto. Marta ha giocato bene le sue carte. Questo le toglie un po' di pressione per la gara di oggi. Quest'anno è stata una spanna sopra tutte nel gigante, tecnicamente è la più forte al mondo della specialità, vincere sarebbe una consacrazione dopo quattro successi in stagione". Per la Goggia  le rivali delle azzurre saranno "la Worley, che sta andando veramente forte, e poi anche la Shiffrin, Lara Gut e la Gisin". E la Brignone? "Ha dentro tanta rabbia e potrebbe piazzare la zampata: sta sciando bene, anche se queste gare non le sono uscite bene, ma quando conta ha una cattiveria che pochi possiedono. Un consiglio alla Bassino? Di pensare a tutto fuorché alla gara". 

Tags: cortina, federica brignone, gigante femminile, marta bassino, mondiali di sci, sofia goggia

Share this story: