Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Corinaldo (AN): identificato il ragazzo che avrebbe spruzzato lo spray urticante all'interno della discoteca, rischia l'accusa di omicidio preterintenzionale
- Corinaldo (AN): strage in discoteca, respira da sola una delle ragazze gravemente ferite, sono stabili le condizioni degli altri sei feriti più gravi
- Corinaldo (AN): l'addetto alla sicurezza della discoteca Lanterna Azzurra conferma, c'era troppa gente all'interno del locale
- Roma: Salvini, resto favorevole alla TAV e alle altre grandi opere, l'Italia non ha intenzione di uscire dalla Ue, ma vuole cambiarla
- Paternò (Ct): tragedia familiare, un padre avrebbe ucciso la moglie e i figli di 4 e 6 anni, poi si sarebbe tolto la vita, in casa trovati antidepressivi
- Francia: ira del governo di Parigi contro Trump per il sostegno ai gillet gialli, la Casa Bianca non si immischi
- Roma: allarme Codacons, nel 2018 stangata sulle bollette, aumenti dell'11% per la luce e del 13% per il gas
- Calcio: serie A, Sassuolo-Fiorentina 3-3, Empoli-Bologna 2-1, Parma-Chievo 1-1, Udinese- Atalanta 1-3, Genoa-Spal 1-1, alle 20,30 Milan-Torino
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
11 agosto 2018

Monsanto, 289 milioni di dollari da risarcire a cliente malato

Il giudice condanna la multinazionale, l'uomo usava i prodotti dell'azienda

Un giudice di San Francisco ha riconosciuto il pagamento di 289 milioni di dollari di risarcimento ad un uomo che ha denunciato la Monsanto, multinazionale di biotecnologie agrarie, affermando che un prodotto dell'azienda usato come pesticida ha contribuito a farlo ammalare di un tumore rivelatosi terminale. Nella sua decisione il giudice ha stabilito che l'azienda non ha adeguatamente avvertito sui rischi nell'utilizzo del prodotto.

Monsanto, 289 milioni di dollari da risarcire a cliente malato

Dewayne Johnson, custode di siti scolastici nella zona di San Francisco, aveva utilizzato il prodotto nel suo lavoro e aveva sviluppato un'eruzione cutanea nel 2014 quando aveva l'età di 42 anni. Successivamente gli è stato diagnosticato un linfoma non-Hodgkin. La Monsanto ha respinto le accuse e i suoi legali hanno sostenuto che quel tipo di linfoma impiega anni per manifestarsi e che quindi Johnson deve esserne stato affetto da prima del suo incarico nel distretto scolastico.