Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Corinaldo (AN): identificato il ragazzo che avrebbe spruzzato lo spray urticante all'interno della discoteca, il giovane fermato per droga, le due vicende non sono collegate
- Corinaldo (AN): stabili le condizioni dei feriti, addetto alla sicurezza della discoteca Lanterna Azzurra, c'era troppa gente all'interno del locale
- Roma: Salvini, resto favorevole alla TAV e alle altre grandi opere, Di Battista, lotta Gilet Gialli sacrosanta, il M5s li supporti
- Francia: proteste dei gilet gialli, il presidente Macron nelle prossime ore parlerà al Paese
- Paternò (Ct): tragedia familiare, un padre avrebbe ucciso la moglie e i figli di 4 e 6 anni, poi si sarebbe tolto la vita
- Roma: allarme Codacons, nel 2018 stangata sulle bollette, aumenti dell'11% per la luce e del 13% per il gas
- Calcio: serie A, Milan-Torino 0-0, Sassuolo-Fiorentina 3-3, Empoli-Bologna 2-1, Parma-Chievo 1-1, Udinese- Atalanta 1-3, Genoa-Spal 1-1
- Calcio: 3-1 al Boca Juniors, il River Plate ha vinto la copa Libertadores
- Calcio: Leonardo, Ibrahimovic non verrà al Milan, ha deciso di restare ai Galaxy di Los Angeles
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
11 novembre 2018

Bari, epidemia morbillo, all'origine una figlia di no-vax

Otto i casi accertati in ospedale, il focolaio epidemico sarebbe scoppiato anche per via della tardiva applicazione dei protocolli previsti dalla legge

Ci sarebbero otto casi di morbillo già accertati all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, un nono molto probabile e il rischio che possano essercene altri. Il contagio potrebbe essere stato innescato dal figlio di genitori no-vax. Il focolaio epidemico sarebbe scoppiato, a quanto pare, anche per via della tardiva applicazione dei protocolli previsti dalla legge: il "caso indice", quello da cui tutto è cominciato presso l'ospedale pediatrico «Giovanni XXIII» di Bari, non sarebbe stato segnalato per tempo alle autorità di igiene pubblica. Una bambina di 10 anni, figlia di genitori anti-vaccinisti, potrebbe dunque aver innescato una catena di contagi, che ha riguardato anche un bimbo di 11 mesi, ricoverato nello stesso reparto per otite e ora alle prese con una malattia molto grave.

Bari, epidemia morbillo, all'origine una figlia di no-vax