Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
-
-
-
- Basilicata: il candidato del Centrodestra Vito Bardi vince le elezioni regionali con oltre il 42% delle preferenze, centrosinistra di Trerotola al 32%, Movimento 5 stelle primo partito ma in netto calo
- Basilicata: elezioni regionali, Salvini su Facebook, 7-0, saluti alla sinistra e ora si cambia l'Europa, Di Maio, battute tutte le liste
- Usa: Russiagate, rapporto del procuratore Mueller, nessuna collusione fra Trump e Mosca, il Presidente americano, no ostruzione, manteniamo grande l'America
- Israele: un razzo partito da Gaza è caduto nei pressi di Tel Aviv, ferite almeno 7 persone
- Palermo: operazione antimafia, duro colpo alla cosca San Lorenzo, effettuati numerosi arresti, indagini grazie a collaboratore di giustizia
- Roma: Stati Generali dell'editoria. Conte, speriamo arrivino proposte innovative
- Roma: sciopero di 4 ore del trasporto aereo, 95 voli cancellati da Alitalia
- Calcio: la Nazionale è a Parma, domani gli azzurri affronteranno il Liechtenstein in una gara per le qualificazioni ai prossimi Europei
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
31 dicembre 2018

Movimento 5 stelle, espulsi due senatori e due europarlamentari

Di Maio: "Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile"

Da oggi non sono più tra le fila del Movimento 5 stelle il senatore Gregorio De Falco, l'antischettino è stato espulso per aver votato contro il decreto sicurezza, e il senatore Saverio De Bonis cacciato per non aver partecipato a quel voto. Per la stessa ragione un altro senatore, Lello Ciampolino, ha subito un richiamo. Espulsi sempre per reiterate violazioni di statuto e codice etico gli europarlamentari Giulia Moi e Marco Valli. De Falco amareggiato ha rivendicato la libertà di esprimere un'opinione in dissenso dal gruppo. Di Maio in un post scrive "Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile. E' fuori chi non rispetta il contratto di governo". Intanto mentre sono ancora pendenti i procedimenti nei confronti delle senatrici Fattori e Nugnes non va meglio sul fronte dei deputati grillini: sono dieci quelli assenti in aula per l'approvazione definitiva della manovra cui il Movimento ha chiesto giustificazioni. La stretta contro i dissidenti -annunciata col nuovo anno- è con le espulsioni di oggi ufficialmente partita.

Movimento 5 stelle, espulsi due senatori e due europarlamentari