Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Tennis: Fabio Fognini trionfa al torneo di Montecarlo, battuto il serbo Dusan Lajovic in due set con il punteggio di 6-3, 6-4
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
14 ottobre 2018
  1. /

Musica, Knopfler, io autodidatta suono come un idraulico

Il chitarrista al Festival del videoclip ha annunciato il suo nuovo disco "Down the road wherever"

Il suo stile inconfondibile e i suoi riff funambolici fanno storia da oltre 40 anni. Eppure lui, Mark Knopfler, anima e fondatore dei Dire Straits, lasciati per intraprendere la carriera solista a metà degli anni Novanta, con disarmante naturalezza dice di suonare la chitarra "come un idraulico". "Sono un autodidatta e facevo un po' di tutto - racconta Knopfler davanti a un folto pubblico a Cesena, ospite internazionale di Imaginaction, Festival del videoclip -. Ho imparato a muovere le dita sulle corde nei club folk: mi esibivo con la chitarra acustica perché non potevo permettermi un amplificatore per quella elettrica. Se sbaglio, sappiate che non ho mai preso lezioni".

Musica, Knopfler, io autodidatta suono come un idraulico

L'incontro e' l'occasione per Knopfler per presentare il suo nuovo disco, il nono da solista, Down the road wherever, in uscita il 16 novembre con 14 brani. "Scusate, ho scritto troppo". Il titolo è mutuato da un verso del brano One song at a time. "E' una frase del mio amico Chet Atkins, che mi è sempre rimasta impressa. Diceva che era riuscito a lasciarsi la povertà alle spalle, 'una canzone alla volta'".