Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Tennis: Fabio Fognini trionfa al torneo di Montecarlo, battuto il serbo Dusan Lajovic in due set con il punteggio di 6-3, 6-4
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 ottobre 2018
  1. /

Musica, resta diffuso il fenomeno della pirateria informatica

Secondo uno studio il 38% di chi ascolta musica digitale ricorre a metodi illegali

La pirateria informatica di video e canzoni resta un fenomeno diffuso. Secondo i dati diffusi dall'International Federation of the Phonographic Industry il 38% di chi ascolta musica digitale ricorre a metodi illegali. La forma più comune di violazione del copyright è il cosiddetto stream-ripping (32%), cioè l'utilizzo di semplici software online per registrare l'audio di video come quelli di YouTube. Al secondo posto c'è il vecchio peer to peer, quello che fece la fortuna di Napster, usato dal 23% di chi infrange la legge, mentre al terzo c'è l'acquisizione di file trovati attraverso i motori di ricerca.

Musica, resta diffuso il fenomeno della pirateria informatica

La diffusione sempre maggiore di servizi per lo streaming a pagamento sta rivitalizzando paradossalmente anche la pirateria informatica rivolta a film e serie tv. Fra i dati segnalati da un rapporto della compagnia Sandvine c'e' infatti una risalita dei servizi di file sharing, i preferiti per la pirateria, che consumano il 3% della banda in tutto il mondo in download, ma ben il 22% in upload, cioè nei contenuti caricati in rete.