Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse e si dice estraneo ai fatti
- Calcio: inchiesta sull' assegnazione dei Mondiali del 2022 al Qatar, fermato per corruzione Michel Platini
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona rimane debole
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, pericoloso e non necessario
- Pakistan: salvati i quattro alpinisti italiani travolti ieri da una valanga a quota 5.300 metri nel nord del Paese
- Firenze: funerali Franco Zeffirelli, ultimo saluto questa mattina in Duomo, duemila persone per l'addio al regista
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, resta in prognosi riservata
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Genova: ricostruzione Ponte Morandi, arrestati due amministratori impresa edile campana, vicina a camorra
- Calcio: mondiali femminili, alle 21.00 Italia-Brasile, in palio primo posto del girone, speciale su Rtl 102.5 dalle 20.50
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
31 dicembre 2018

Nel 2019 scadrà il copyright per Agatha Christie, ma non solo

Le opere della celebre scrittrice e di altri grandi autori del '900 non saranno più soggette al diritto d'autore

Nuova vita nel 2019 per molti giganti della creatività del Novecento: il prossimo Capodanno i libri di celebri autori, da Thomas Mann a Marcel Proust, Agatha Christie e D.H. Lawrence, ma anche "I Dieci Comandamenti" di Cecil B. DeMille, "Il Pellegrino" di Charlie Chaplin e le composizioni di Bela Bartok, entreranno nel pubblico dominio. Migliaia di opere perderanno le protezioni legali che finora le avevano agganciate a case editrici ed eredi a colpi di royalties da diritti di autore e controllo creativo: un terremoto dalle profonde conseguenze per il mondo dell'editoria, perché permetterà, tra l'altro, di creare nuove opere basate sui classici senza che i nuovi autori diventino bersaglio di cause legali per violazione del copyright. Tutto questo accadrà perché il prossimo primo gennaio scade una proroga ventennale del copyright approvata nel 1998 dal Congresso. La legge, battezzata dagli scettici "il Mickey Mouse Protection Act" perché adottata dietro la lobbying della Disney per tenere sotto diritti di autore fino al 2024 "Steamboat Willie", il primo film di Topolino, aveva allungato i termini del copyright per le opere pubblicate tra 1923 a 1977 da 75 a 95 anni dalla pubblicazione, congelandone di fatto la proprietà. Da Capodanno le cose cominceranno a cambiare: ogni primo gennaio un nuovo gruppo di classici diventerà patrimonio culturale comune, rendendo nell'arco di pochi anni largamente disponibili i frutti della creatività di autori come F. Scott Fitzgerald, William Faulkner, Ernest Hemingway e Virginia Woolf. Una volta entrato nel pubblico dominio, un libro potrà essere riprodotto, stampato, prodotto in audiolibro o in edizione digitale su Amazon, perfino modificato come accadde nel 2002 con il bestseller "Orgoglio e Pregiudizio e Zombie" o adattato per il teatro o il cinema senza problemi di diritti di autore.

Nel 2019 scadrà il copyright per Agatha Christie, ma non solo