Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Catania: rifiuti smaltiti illegalmente, sequestro preventivo della nave Aquarius, 24 gli indagati, sotto accusa la Ong Medici Senza Frontiere
- Roma: in corso la demolizione di otto ville abusive del clan Casamonica, il sindaco Raggi, giornata storica, Salvini, un bel segnale
- Libia: Ong Mediterranea, forze libiche hanno fatto irruzione su nave Nivin, bloccata a Misurata, violenze sui migranti
- Roma: Decreto Legge sicurezza, Salvini, serve al Paese e passerà entro il 3 dicembre o salterà tutto, sulla manovra sono tranquillo
- Varese: quindicenne sequestrato e torturato da quattro coetanei in un garage, sarebbe stato legato a una sedia con fili elettrici
- Crotone: una tromba d'aria ha investito un treno locale a Roccabernarda, finestrini in frantumi, feriti in modo lieve alcuni passeggeri
- Usa: sparatoria a Chicago, un uomo uccide la fidanzata, morti anche un agente di polizia e un'infermiera, ammazzato l'aggressore
- Usa: incendi in California, sale a 79 il bilancio delle vittime, trovati i resti di altre due persone, sono ancora oltre 700 i dispersi
- Calcio: questa sera alle 20.45, a Genk, in Belgio, l'amichevole tra Italia e Stati Uniti, radiocronaca diretta integrale su Rtl 102.5
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
18 ottobre 2018

Norvegia, premier si scusa con le donne che amarono i nazisti

Dopo la guerra, furono punite o espulse come traditrici

Il primo ministro della Norvegia, Erna Solberg, ha rivolto le scuse ufficiali del Governo a tutte le donne norvegesi che, durante la Seconda guerra mondiale, ebbero rapporti con i soldati tedeschi e che per questo furono punite anche duramente al termine del conflitto. La Norvegia fu invasa dalle forze naziste nell'aprile del 1940 e si ritiene che circa 50.000 donne norvegesi ebbero rapporti intimi con i soldati tedeschi, incoraggiati in questo dal capo delle Ss Heinrich Himmler, che sperava così di 'migliorare' la razza ariana. Le donne furono ribattezzate le 'ragazze tedesche' e furono in seguito prese di mira con l'accusa di avere tradito il Paese. Tra le conseguenze cui andarono incontro, la privazione dei diritti civili, la detenzione o addirittura l'espulsione dal Paese verso la Germania, insieme ai loro figli. "Le autorità norvegesi - ha sottolineato Solberg - violarono la regola fondamentale secondo cui nessun cittadino può essere punito senza processo o condannato. Per molte, fu solo un amore adolescenziale, per alcune l'amore della loro vita con un soldato nemico o un flirt innocente che le segnò per sempre". Poche delle 'ragazze tedesche' sono ancora in vita per poter apprezzare le scuse, ma lo sono tanti dei loro figli. Si pensa che circa 12.000 bambini siano nati da queste relazioni. Alcuni dei bambini furono presi di mira a loro volta con atti di vendetta, affidati a altre famiglie o collocati in istituti. Nel 2007, un gruppo di loro si appellò alla Corte europea dei diritti dell'uomo per chiedere giustizia, ma il loro caso fu dichiarato inammissibile per il tanto tempo trascorso dai fatti.

Norvegia, premier si scusa con le donne che amarono i nazisti