Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, all'equipaggio non è stato ancora contestato nulla
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, schierati i carabinieri in banchina, il sindaco di Lampedusa, Martello, nel frattempo continuano altri sbarchi e nessuno dice nulla
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, voci di un possibile accordo con la Commissione Europea, per evitare procedura infrazione
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, il ministro Salute Grillo, al pronto soccorso solo se necessario, evitare di esporre al sole anziani e bambini, nelle ore più calde
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, definitivamente scartata l'ipotesi dolosa
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: Mondiali femminili in Francia, cresce l'attesa per Italia-Olanda, quarti di finale con radiocronaca integrale su Rtl 102.5, sabato dalle 15.00
- Calcio: quasi fatta per il ritorno di Gigi Buffon alla Juventus, che deve superare la concorrenza del Barcellona per De LIgt, Inter chiude per Lazaro, assalto a Lukaku
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
28 dicembre 2018

Nuova inchiesta su Rigopiano, 7 indagati, c'è anche ex Prefetto

Si ipotizzano i reati di frode in processo penale e depistaggio

Si apre un nuovo fascicolo di indagine sulla tragedia dell'Hotel Rigopiano: la Procura di Pescara ha notificato 7 avvisi di garanzia per il reato di frode in processo penale e depistaggio a carico del personale della Prefettura di Pescara, compreso l'ex prefetto. Le accuse che vengono mosse sono quelle di aver occultato il brogliaccio delle segnalazioni del giorno 18 gennaio 2017 alla Squadra Mobile di Pescara per nascondere la chiamata di soccorso fatta alle 11.38 dal cameriere Gabriele D'Angelo al centro coordinamento soccorsi. L'indagine è guidata dal Procuratore Capo della Repubblica di Pescara Massimiliano Serpi e del Sostituto Procuratore Andrea Papalia, con i Carabinieri Forestali di Pescara. Tra gli indagati l'ex prefetto Francesco Provolo e i due viceprefetti distaccati Salvatore Angieri e Sergio Mazzia. Con loro i dirigenti Ida De Cesaris, Giancarlo Verzella, Giulia Pontrandolfo e Daniela Acquaviva. Gli investigatori del Gruppo Carabinieri di Pescara stavano indagando su tale vicenda già da un anno dopo l'acquisizione di un inedita conversazione avvenuta tra un carabiniere della sala operativa di Pescara e la funzionaria della prefettura Daniela Acquaviva, balzata a suo tempo alle cronache per la telefonata nella quale proferiva la frase "la mamma degli imbecilli è sempre incinta", in cui dice al carabiniere che l'intervento su Rigopiano era stato fatto in mattinata riferendosi proprio alla telefonata pervenuta da Gabriele D'Angelo. E' ipotizzabile che D'Angelo abbia chiesto l'evacuazione della struttura dopo le scosse di terremoto che avevano interessato la zona.

Nuova inchiesta su Rigopiano, 7 indagati, c'è anche ex Prefetto