Oggi è la prima giornata mondiale del tè, voluta dalla Fao

21 maggio 2020, ore 16:31

Il tè è la bevanda più diffusa al mondo dopo l'acqua, ha una storia lunghissima e tante proprietà benefiche, oggi la giornata mondiale della bevanda

Il , la seconda bevanda più diffusa al mondo dopo l'acqua, ha una storia millenaria. La Fao, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, ha deciso di indire una giornata mondiale dedicata all'infuso. La data scelta è quella di oggi.

Una bevanda dal sapore antico

La patria del tè è la Cina, dove l'utilizzo della pianta è iniziato nel 2.500 avanti Cristo. Inizialmente il tè veniva usato a scopo medicinale per le sue proprietà antimicrobiche e antibiotiche. Le foglie venivano macinate e assunte. La consuetudine nacque nella Cina del Sud, nell'attuale regione di Yunnan. Per molto tempo, il tè fu utilizzato solo in Cina e, proprio per questo, la popolazione di specializzò nella creazione di teiere e tazze artigianali. Il tè arrivò in Giappone solo nell'anno mille grazie ai viaggi dei monaci buddisti. Quando, nel 1.500, l'Oriente fu raggiunto dai mercanti europei, il tè sbarcò finalmente anche nel nostro continente.

Un must per gli inglesi

In tutto il mondo è nota la passione degli inglesi per il tè e l'appuntamento delle cinque di pomeriggio è una tradizione. Fin dall'arrivo della bevanda in Europa, infatti, le corti nobiliari inglesi iniziarono ad amare follemente il tè. Furono loro a pensare per la prima volta a una coltivazione su larga scala fuori dalla Cina. Inviarono così un botanico nel Paese asiatico. L'uomo riuscì a impossessarsi di diverse piante di tè e le portò in India, allora colonia britannica. Iniziò così la produzione nella regione del Darjeeling, ancora oggi una varietà di tè amatissima. 

Un tè per ogni gusto

Le varietà di tè sono tantissime. Dal tè bianco cinese, potente antinfiammatorio, a quello verde, che protegge il sistema cardiovascolare. Poi il tè nero, che previene l'invecchiamento delle cellule, e quello giallo, stimolante per la mente. Tra i tipi meno conosciuti troviamo il tè oolong, che rinforza il sistema immunitario, e il tè pu'er o post-fermentato, che è un potente brucia grassi. 

Oggi è la prima giornata mondiale del tè, voluta dalla Fao

Le bevande più diffuse al mondo

La bevanda più diffusa al mondo è l'acqua, ma vediamo quali sono le altre dieci.

1) Il tè, bevuto caldo o freddo, a colazione o a metà pomeriggio. Amatissimo in tutto il mondo.

2) Il caffè. Viene assunto ogni giorno dall'85% della popolazione adulta mondiale. Svetta nelle preferenze delle pause di lavoro.

3) La birra. E' amatissima soprattutto nei mesi estivi e l'Oktoberfest di Monaco di Baviera, in Germania, ne ha creato il culto.

4) La zuppa, acqua bollita mischiata agli ingredienti più vari. E' la regina dei pasti di chi vuole rimettersi in forma, protagonista di tante diete.

5) Le bevande energetiche. Composte da acqua gasata, caffeina e aromi, promettono di dare forza fisica e mentale. Vietato abusarne.

6) La Vodka. Distillata da vari cereali o patate, è la bevanda alcolica per eccellenza in Russia, ma viene abbondantemente consumata in tutto il mondo.

7) Il vino, in tutte le sue sfumature ha conquistato il settimo posto di bevanda più diffusa al mondo. I Paesi dai vigneti più celebri sono l'Italia e la Francia.

8) La Coca Cola. Ogni giorno vengono vendute 1 miliardo e 900 milioni bottiglie della bibita nata ad Atlanta, negli Stati Uniti. E' conosciuta anche negli angoli più sperduti della terra.

9) Il latte, passione soprattutto statunitense dove non viene relegato alla colazione, ma bevuto anche come accompagnamento ai pasti.

10) Il succo di arancia, il fornitore numero uno di vitamina C. La spremuta è amata da grandi e piccoli. 

Tags: bevanda più diffusa, fao, giornata mondiale, tè

Share this story: