Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: morto il regista Franco Zeffirelli, aveva 96 anni, camera ardente domani a Palazzo Vecchio a Firenze, lutto cittadino il giorno dei funerali
- Torino: sindaco Chiara Appendino su facebook, sono indagata per concorso in peculato, la vicenda riguarda una consulenza per la Fondazione del Salone del Libro
- Modena: Amanda Knox al Festival della Giustizia Penale, l'inchiesta sulla morte di Meredith Kercher è stata contaminata, su di me creata una storia falsa
- Carini (Pa): uccide la moglie di 36 anni nel negozio in cui lavorava, ferito il figlio, la donna colpita alla gola con un taglierino, arrestato l'uomo
- Napoli: si è tolto la vita il docente di matematica arrestato nei giorni scorsi per una presunta relazione sessuale con due studentesse, l'uomo era agli arresti domiciliari
- Roma: caso Sea Watch, ministero dell'Interno vieta l'ingresso, la nave resta al largo, motivi sanitari, il Viminale autorizza lo sbarco di 10 migranti
- Nuova Zelanda: terremoto di magnitudo 7.4 nell'Oceano Pacifico, epicentro l'arcipelago Kermadec, escluso l'allarme tsunami
- Calcio: Francesco Totti avrebbe deciso di dire addio alla Roma, di cui è dirigente, l'ex capitano terrà una conferenza stampa domani al Coni
- Calcio: questa sera alle 21, a Bologna, esordio della nazionale all'Europeo Under 21, gli azzurri giocheranno con la Spagna
- Calcio: playoff serie C, Piacenza battuto 2-0, Trapani promosso in serie B
- Motomondiale: oggi pomeriggio il Gran Premio di Catalogna, pole position per Quartararo su Yamaha Petronas, seconda fila tutta italiana con Morbidelli, Rossi e Dovizioso, alle 14 la gara
- Tennis: torneo di Stoccarda, Matteo Berrettini in finale, affronterà il canadese Auger Aliassime.
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
05 giugno 2019

Olanda, caso Noa, media, non è stata eutanasia

Si è lasciata morire, secondo "De Gelderlander" la richiesta di morte assistita era stata rifiutata

Noa Pothoven, la 17enne olandese morta domenica dopo anni di sofferenze psichiche a seguito di una violenza subita da bambina, si è lasciata morire di fame e di sete. Non si è trattato di eutanasia. Emerge dai reportage del quotidiano olandese De Gelderlander (giornale di una cittadina nei pressi di Arnhem, la città di Noa) che ha seguito la storia dal dicembre 2018. La notizia della morte della giovane era circolata ieri sui media di tutto il mondo e descritta come un caso di eutanasia legale. In realtà - riporta il De Gelderlander - Noa, che soffriva di una grave forma di depressione, stress post-traumatico e anoressia, all'insaputa dei genitori aveva fatto richiesta alla clinica Levenseind dell'Aja per ottenere l'eutanasia. Ma il consenso non le era mai stato approvato. "Pensano che sia molto giovane, che debba finire il trattamento psicologico e attendere fino a quando il mio cervello sarà completamente sviluppato. Non succederà fino all'età di 21 anni. Sono devastata perché non posso aspettare così a lungo", aveva raccontato Noa al reporter olandese Paul Bolwerk che oggi ha confermato la sua versione. La famiglia della 17enne aveva provato ad aiutarla con una serie di trattamenti psichiatrici e venti ricoveri ospedalieri. Dopo alcuni tentativi di suicidio della ragazza, i genitori avevano fatto richiesta per una terapia elettroshock, rifiutata a causa della sua giovane età. Nelle ultime settimane Noa aveva espresso il desiderio di non essere sottoposta a ulteriori trattamenti e aveva iniziato a rifiutare alimenti e liquidi.

Olanda, caso Noa, media, non è stata eutanasia