Palermo retrocesso in serie C per illecito amministrativo

 13 maggio 2019

Arrivata la sentenza della FIGC, grande delusione nel capoluogo siciliano

Il Palermo sul campo ha sfiorato la promozione in serie A. Ma - a causa di illeciti amministrativi- la prossima stagione giocherà in serie C. La temuta sentenza della Federazione Italiana Giuoco Calcio è arrivata. Accolta in pieno la richiesta della Procura Federale. Queste le parole scritte nel comunicato ufficiale: il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare presieduto da Cesare Mastrocola ha retrocesso il Palermo all’ultimo posto del campionato di Serie B della stagione sportiva in corso. La società è stata sanzionata per una serie di irregolarità gestionali da parte di alcuni ex dirigenti. Il TFN ha dichiarato inammissibile il deferimento nei confronti di Maurizio Zamparini, all’epoca dei fatti presidente del Consiglio di Amministrazione del Palermo, mentre ha inflitto 5 anni di inibizione con preclusione ad Anastasio Morosi e 2 anni di inibizione a Giovanni Giammarva, rispettivamente presidente del Collegio sindacale e presidente del Consiglio di Amministrazione della società. La società rosanero con tutta probabilità ricorrerà in appello, circostanza che potrebbe portare allo slittamento dei play off per la promozione in serie A, ai quali il Palermo si era qualificato. Nel capoluogo siciliano- appresa la notizia della retrocessione in serie C- si è diffuso un clima di grande delusione. 
Palermo retrocesso in serie C per illecito amministrativo

Share this story: