Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Agrigento: interrogatorio per 6 ore il comandante della Sea Watch, perquisita la nave ancora sotto sequestro a LIcata
- Roma: modifiche al decreto sicurezza, restano le multe per le navi delle ong che non rispettano le regole, saltano quelle per il soccorso ai migranti
- Roma: intercettata busta contenente un proiettile indirizzata a Salvini, il ministro degli interni, non mi fanno paura
- Roma: caso Cucchi, l'Arma dei carabinieri, il ministero della Difesa e il Viminale chiedono di costituirsi parte civile nel processo sui presunti depistaggi
- Roma: torna libera Debora Sciacquatori, la 19enne che ha ucciso il padre violento, accusa derubricata in eccesso colposo di legittima difesa
- Francia: Ocse su situazione economica dell'Italia, secondo l'Economic Outlook crescita stagnante nel 2019, modesta nel 2020
- Bruxelles: via libera dall'Ue, dal 2021 vietati oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce
- Gb: Brexit, premier May apre alla possibilità che la Camera dei Comuni voti un emendamento che chieda un secondo referendum
- Mirandola (Mo): incendio nella sede della Polizia municipale, due morti e due feriti, arrestato un nordafricano
- Automobilismo: morto a 70 anni l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della F1, tre volte campione del mondo
- Calcio: corsa alla panchina della Juventus, entra in scena Zidane, buone chances per Sarri, Conte sempre più vicino all'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
05 marzo 2019

"Papà uccidi il mostro", il disegno del bimbo morto a Taranto

Un'attivista ha pubblicato su Facebook il disegno di un bimbo morto di tumore anni fa, aveva disegnato le ciminiere dell'Ilva di Taranto

Il disegno è di qualche anno fa, ma viene reso pubblico solo oggi. L’autore è Federico, un bimbo di nove anni morto a causa di un neuroblastoma. Su un foglio bianco aveva scritto “Papà, uccidi il mostro”, e a margine aveva disegnato le ciminiere dell’Ilva di Taranto, con il fumo nero che si diffonde nell’aria. Il disegno che il bimbo aveva lasciato sul comodino è diventato il simbolo dei tanti giovani che sono morti a Taranto dopo la malattia. Una fiaccolata organizzata in città li ha ricordati proprio alcuni giorni fa, quando le persone sono scese in strada con i cartelli e la scritta “Io dovevo vivere”. Rosella Balestra, coordinatrice del comitato Donne per Taranto, ha spiegato: "All'età di 5 anni, nel 2010, Federico ha cominciato ad avvertire i primi sintomi: stanchezza, dolori addominali, fatica a mangiare. Nel 2011 la diagnosi: neuroblastoma già in fase avanzata. Da quel momento viaggi della speranza per tre anni, fino a quando nel 2014 non si è arreso. Aveva nove anni, appena compiuti". Il disegno era stato lasciato dal piccolo Federico sul comodino di un ospedale a Parma, dove era ricoverato. Il padre l’ha accompagnato a una lettera: "Ho insegnato a mio figlio in questi anni ad avere fiducia sempre negli altri, negli adulti, nella vita. Da oltre un anno lui si prepara il suo trolley da solo ogni 20-30 giorni per andare a fare la cura a Parma, ed è stato sempre lui a trasmetterci l'ottimismo per l'esito delle analisi".

"Papà uccidi il mostro", il disegno del bimbo morto a Taranto