Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Strasburgo, spari al mercatino di Natale, 4 morti e 9 feriti, l'attentatore un 29enne radicalizzato, è asserragliato, scontro a fuoco con la Polizia
- Francia: Strasburgo, presidente Parlamento Europeo Tajani, attacco in diverse zone, gli eurodeputati al sicuro
- Roma: incendio in un deposito di rifiuti sulla via Salaria, gli inquirenti non escludono il dolo o il sabotaggio, non ci sarebbero pericoli per la popolazione
- Roma: manovra economica, domani, a Bruxelles, vertice Conte-Juncker, oggi il premier ha riferito alle Camere
- Israele: ministro dell'interno Salvini, Hezbollah terroristi, Ministero Difesa, parole preoccupanti
- Roma: Valentino Talluto condannato in appello a 22 anni, il 34enne accusato di aver contagiato volontariamente 32 donne con il virus dell'Aids
- Kenya: arrestato uno dei tre rapitori di Silvia Romano, è caccia agli altri due sequestratori, non ci sono notizie certe della cooperante italiana
- Milano: un maestro di 46 anni colpito con due pugni dallo zio di un alunno, è accaduto durante un colloquio sul rendimento scolastico
- Calcio: Champions League, Inter-PSV Eindhoven 1-1 e Liverpool-Napoli 1-0, Inter e Napoli eliminate
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 novembre 2018

Parigi, tre anni fa l'attacco terroristico al Bataclan

Attacchi anche allo stadio, bilancio di 130 morti

Sono passati tre anni da quel 13 novembre in cui Parigi piombò in pochi minuti nell'incubo degli attentati simultanei, in seguito rivendicati dall'Isis. Commando armati e kamikaze entrarono in azione allo Stade de France, nei caffè del decimo e dell’undicesimo arrondissement e nel teatro del Bataclan affollato per un concerto: il bilancio fu di 130 morti e oltre 400 feriti, che ancora oggi cercano di sanare le loro cicatrici, quelle fisiche e quelle invisibili. Tre anni dopo, tra i superstiti, c'è chi ha cambiato diversi psicanalisti, chi si è chiuso nel silenzio, chi ha scritto un libro di memorie, e chi ha voluto tatuarsi sulla pelle parole o disegni che aiutino a non dimenticare i morti o a "trasformare l'orrore in qualcosa di bello". Tra le vittime anche Valeria Solesin, una ragazza italiana di 28 anni che lavorava come ricercatrice all’Università della Sorbona a Parigi e che quella sera stava assistendo al concerto degli Eagles of death metal al Batavlan. Venne colpita in pieno volto da un colpo di kalashnikov sparato da un terrorista e spirò tra le braccia del fidanzato.

Parigi, tre anni fa l'attacco terroristico al Bataclan