Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Palermo: oggi il 27esimo anniversario della strage di Capaci, furono assassinati il giudice Falcone, la moglie e tre uomini della scorta
- Roma: anniversario strage Capaci, presidente della Repubblica Mattarella, il loro sacrificio motore di riscossa civile, premier Conte, obiettivo fare terra bruciata alla mafia
- Gran Bretagna: seggi aperti nel Paese per le elezioni europee, oggi si vota anche in Olanda
- Milano: bimbo di due anni morto in casa, parla il padre, l'ho picchiato, non credevo che l'avrei ucciso
- Novara: la Questura indaga su morte di un bambino di neppure due anni, giunto in ospedale ormai privo di vita
- Pavia: ragazzo di 15 anni bullizzato e picchiato a scuola, rischia di perdere la vista da un occhio, i genitori denunciano vessazioni durate mesi
- Roma: rapporto Agenzia Entrate-Abi, mercato immobiliare al top dal 2010, +6.5% nel 2018
- Calcio: l'agenzia Agi annuncia il clamoroso accordo fra la Juventus e Pep Guardiola, 24 milioni di euro all'anno per 4 anni, nessuna conferma ufficiale, il titolo vola in Borsa
- Formula 1: oggi prime sessioni di prove libere in vista del Gran Premio di Monaco, volano le Mercedes, la Ferrari insegue, la F1 ricorda Niki Lauda
- Ciclismo: Giro d'Italia, Benedetti vince la 12esima tappa da Cuneo a Pinerolo, maglia rosa per Polanc
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 novembre 2018

Picchiava neonata perché "femmina", condannato afgano

Violenze anche su moglie sposata a 15 anni

Prendeva "a schiaffi" la figlia di poco piu' di un anno perche' era di "sesso femminile e non maschile", come lui avrebbe voluto, e sottoponeva la moglie, che aveva sposato quando lei aveva 15 anni in Pakistan, a una lunga serie di violenze colpendola, tra l'altro, con calci e pugni, con una cinghia e stuprandola. Per maltrattamenti, lesioni e violenza sessuale l'uomo, un 30enne afgano, e' stato condannato dal gup di Milano Guido Salvini a 3 anni e 8 mesi di carcere in abbreviato. La donna e la figlia ora sono in una comunita'. L'uomo, arrestato a fine agosto scorso, era accusato di maltrattamenti perche', tra marzo e giugno scorso, avrebbe sottoposto la moglie e la figlia, nata nel febbraio 2017, "ad atti di violenza fisica e psicologica". In particolare, dallo scorso 5 marzo e "in piu' occasioni, adoperava violenza - si legge nell'imputazione - sulla figlia minore prendendola a schiaffi in quanto di sesso femminile e non maschile, come il padre avrebbe voluto". Piu' volte, poi, avrebbe minacciato la moglie dicendole "se chiami la polizia ti uccido", "ti butto giu' dal balcone" e "anche in presenza della figlia minore, la percuoteva con calci e pugni, con il cavo del carica batteria e con una cinghia di una borsetta, e piu' volte le imponeva di non alzare lo sguardo da terra".


Picchiava neonata perché "femmina", condannato afgano