Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Napoli: festa in strada per la riapertura della pizzeria Da Sorbillo, dopo la bomba carta esplosa la settimana scorsa, pizza gratis per tutti
- Milano: emergenza migranti, il vicepremier Luigi Di Maio a Rtl 102.5 attacca Macron, cominceremo a portare i migranti a Marsiglia
- Milano: Di Maio a Rtl 102.5, non temo manine sul Reddito di Cittadinanza, il baciamano a Salvini? Lo hanno fatto anche a me
- Roma: emergenza migranti, l'Ong Open Arms attacca, ci vogliono eliminare perché testimoni
- Roma: questa mattina lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale, astensione di 4 ore, solo a Firenze oggi pomeriggio
- Vicenza: bimba di tre giorni scaraventata a terra dalla madre, morta in ospedale, la donna arrestata, ha tentato il suicidio
- Gb: Brexit, il premier May presenta in Parlamento il piano B, auguale al vecchio, tranne gestione confine con Irlanda
- Israele: bombardati obiettivi militari iraniani in Siria, l'Iran minaccia di distruggere Israele
- Milano: taxista travolto e ucciso, arrestato presunto pirata della strada fuggito dopo l'incidente mortale, è un 26enne
- Calcio: Serie A, alle 15.00 Genoa-Milan, alle 20.30 Juventus-Chievo, Wanda Nara, Icardi rinnova al 100% con l'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
02 gennaio 2019

Pisa, arrivano le super tate, baby sitter per i bimbi con handicap

Un modello che potrebbe presto essere esportato in altre città

Grazie al progetto dell’associazione Eppursimuove e della Società della Salute pisana è stata selezionata e formata la “super tata”, ovvero una baby sitter specializzata per bambini e ragazzi disabili. Trenta aspiranti baby sitter, di età compresa fra i 20 e i 50 anni, hanno seguito un corso di quaranta ore, poi sono entrate nell’”albo” delle super tate. In quella zona quindi, da oggi, le famiglie con un figlio disabile possono rivolgersi allo sportello dell’associazione per individuare una baby sitter idonea, con esperienza e disponibilità oraria che combacino con le esigenze dei richiedenti. Tra le soluzioni proposte ci sarà anche quella del baby sitting condiviso: due o più famiglie che abbiano esigenze compatibili potranno diventare co-datrici di lavoro della stessa tata e quindi condividere le spese del suo stipendio, stabilendone le ripartizioni e l'organizzazione dell'orario. Un modello che potrebbe presto essere esportato in altre città.

Pisa, arrivano le super tate, baby sitter per i bimbi con handicap