Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Novara: bimbo di due anni morto, la Procura ha disposto il fermo della madre e del compagno della donna
-
-
- Roma: elezioni europee, oggi giornata di silenzio elettorale, domani si vota dalle 7.00 alle 23.00
- Gb: dimissioni premier May, il ministro della Sanità Hancock si candida a leadership partito conservatore
- Giappone: Donald Trump è a Tokyo per una visita di 4 giorni, incontrerà anche l'imperatore Naruhito
- Usa: muro al confine con Messico, schiaffo a Trump, giudice federale blocca parzialmente la costruzione
- Libia: scontri armati a Tripoli, Onu, è salito a 82.300 il numero degli sfollati dall'inizio di aprile
- Venezuela: rivolta in un carcere di Caracas, pesanti scontri tra detenuti e polizia, il bilancio è di 30 morti
- Mestre (Ve): Cgia, l'Inps e l'Inail pagano le imprese in ritardo e lo fa anche metà dei ministeri
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata testa in marmo di età imperiale, forse raffigurazione di Dioniso
- Cinema: Festival di Cannes, questa sera in programma la cerimonia di premiazione, Almodovar favorito
- Calcio: serie A, oggi ultima giornata del campionato, alle 18 Frosinone-Chievo, alle 20.30 Bologna-Napoli
- Calcio: New York Times, la Fiorentina sarebbe stata ceduta al miliardario Rocco Commisso
- F1: Gran Premio di Monaco, oggi in programma a Montecarlo le qualifiche, favorite le Mercedes
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
11 marzo 2019

Prato, professoressa indagata, il figlio è dell'alunno

Lo rivelerebbe l'esame del Dna, oggi interrogatorio della donna

L'esame del Dna avrebbe confermato che la paternità del bambino nato nell'autunno 2018 all'insegnante 35enne di Prato, indagata per atti sessuali su minore, va attribuita allo studente 15enne con cui la donna avrebbe avuto una relazione. Gli inquirenti hanno avuto modo di confrontare i Dna del figlioletto e anche dell'adolescente. La donna ha dato il consenso al prelievo venerdì. Nelle indagini coordinate dai pm Lorenzo Gestri e Lorenzo Boscagli, l'attribuire la paternità del bimbo è uno degli elementi necessari per definire i rapporti tra la donna e il minore che, dalla primavera 2017, la frequentava per prendere ripetizioni di inglese. Il legale e l'altro difensore della donna, Massimo Nistri, hanno presentato la richiesta di poter fare dichiarazioni spontanee, quindi già nel pomeriggio la procura di Prato ha convocato la 35enne negli uffici degli inquirenti. L'insegnante è stata sentita circa due ore e mezzo e l'interrogatorio è stato secretato. La professoressa di inglese è arrivata in Procura con il marito, che peraltro ha riconosciuto il bambino come proprio, passando da un'entrata secondaria mentre i suoi avvocati hanno raggiunto gli uffici dei pm dall'ingresso principale, passando davanti a telecamere e giornalisti ma senza rilasciare dichiarazioni. All'interrogatorio, oltre ai due sostituti procuratori titolari dell'inchiesta, ha partecipato anche il capo della squadra mobile Gianluca Aurilia che guida le indagini, scaturite da una denuncia dei genitori del 15enne presentata contro la 35enne un paio di settimane fa circa. La famiglia del ragazzo si è attivata con la querela contro l'insegnante, che è una loro conoscente, anche per la nascita del bambino, circostanza che la 35enne avrebbe fatto presente al 15enne mettendolo in crisi. Anche così il ragazzo si sarebbe aperto coi genitori che hanno preso l'iniziativa di andare a riferire tutto alla polizia. Le indagini punterebbero ora a ricostruire il contenuto dei cellulari di entrambi i protagonisti. 

Prato, professoressa indagata, il figlio è dell'alunno