Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Corinaldo (AN): gli indagati sono 8, un minorenne, i tre gestori del locale e i 4 proprietari dell'immobile dove si trova la discoteca
- Corinaldo (AN): tragedia in discoteca, altri due giovani fermati per droga, le indagini proseguono
- Torino: l'Area Metropolitana dice Sì alla Tav, 167 a favore, 1 contrario e 8 astenuti, il sindaco Chiara Appendino non ha partecipato al voto
- Corinaldo (AN): migliorano le condizioni di 4 dei ragazzi rimasti feriti in discoteca, ora respirano autonomamente, gravi altri 3, ma stabili
- Gran Bretagna: Brexit, il premier Theresa May annuncia il rinvio del voto sull'accordo, poiché ora sarebbe respinto
- Pavia: spray urticante in una scuola superiore, 30 ragazzi intossicati, episodio simile anche in un istituto di Mantova
- Firenze: due medici indagati per la morte di Davide Astori, sono responsabili di centri per l'idoneità allo sport
- Francia: gilet gialli, il presidente Macron alle ore 20.00 in Tv, forse farà un passo indietro sulle misure che hanno scatenato le proteste
- Calcio: Champions League, domani ultima giornata della fase a gironi, alle 21.00 Inter-PSV Eindhoven e Liverpool-Napoli
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
05 dicembre 2018

Quasi 7 medici su 10 sono stati aggrediti dai pazienti

Lo rivela il sindacato Anaao Assomed, la percentuale aumenta al Sud

Dal tentativo di strangolamento fino a stupri o vere e proprie spedizioni punitive, ma anche parolacce e insulti. Il 66% dei medici, ovvero quasi 7 su 10, dichiara di aver subito un'aggressione da parte dei pazienti. Di questi, oltre due su tre sono stati aggrediti verbalmente, mentre la restante parte fisicamente. E' una sorta di bollettino di guerra quello che emerge dall'ultimo sondaggio condotto dal sindacato Anaao Assomed, ancora tragicamente attuale dopo l'aggressione al medico di Crotone ferita gravemente al collo con un cacciavite. Le aree più a rischio sono la psichiatria e il pronto soccorso, ma soprattutto i pericoli maggiori si corrono nel Mezzogiorno: arriva infatti al 72% nel Sud e nelle Isole il numero di medici che denuncia aggressioni, e sale all'80% tra chi, di loro, lavora nei pronto soccorso.

Quasi 7 medici su 10 sono stati aggrediti dai pazienti