Raid Usa, abbiamo colpito diversi kamikaze. Minaccia dell'Isis K, diretta all'aeroporto, eliminata

29 agosto 2021, ore 19:00

Il Pentagono conferma di aver eliminato eliminato un'imminente minaccia all'aeroporto di Kabul. Nell'auto ci sarebbero stati diversi kamikaze. Non è ancora stato confermato se a essere centrato sia stato proprio l'edificio nei pressi dell'aeroporto da cui si leva una nuvola di fumo

Gli Stati Uniti hanno colpito un obiettivo nella capitale afghana. Nel mirino del raid americano c'erano diversi kamikaze a bordo di un'auto che si stavano dirigendo verso l'aeroporto di Kabul, Un funzionario della difesa alla Cnn ha parlato di attacco con drone contro una sospetta autobomba dell'isis-K ed ha sottolineato che la significativa esplosione secondaria indica la presenza di un importante quantitativo di esplosivo. Non è chiaro se l’operazione americana sia legata al razzo che ha colpito una casa vicino allo stesso scalo, il bilancio provvisorio parla di almeno 6 vittime tra le quali bambini. Nei video sui social si vedono una colonna di fumo, persone sui tetti delle case vicine armati di secchi di acqua per spegnere le fiamme e gente in strada che corre. Gli Stati Uniti avevano messo in guardia da unaminaccia specifica e credibile vicino all’aeroporto di Kabul” chiedendo agli americani di allontanarsi dalla zona dopo il sanguinoso attentato suicida di tre giorni fa che ha causato la morte di oltre 170 persone, tra cui 13 marines. Biden, che l’altra notte ha ordinato l’attacco con drone che ha ucciso due esponenti dell’Isis K, lo aveva promesso dopo la strage di Kabul “vi daremo la caccia e ve la faremo pagare”.

PORTAVOCE CENTCOM, ELIMINATA MINACCIA ISIS-K ALL'AEROPORTO

Il Comando militare centrale americano (Centcom) ha annunciato di aver compiuto un raid a Kabul per sventare una minaccia kamikaze. "Le forze militari americane hanno condotto un raid di autodifesa con un drone contro un veicolo a Kabul, eliminando un'imminente minaccia dell'Isis-K contro l'aeroporto Hamid Karzai", ha detto il portavoce Bill Urban. Una minaccia eliminata dunque, Urban ha poi aggiunto "Siamo fiduciosi di aver colpito con successo l'obiettivo. Significative esplosioni secondarie dal veicolo indicano la presenza di un sostanziale quantitativo di materiale esplosivo. Stiamo controllando la possibilità di vittime civili, anche se non abbiamo indicazioni in proposito al momento. Rimaniamo vigilanti per potenziali minacce future", ha aggiunto Urban.

TALEBANI, CORSI UNIVERSITA' SEPARATI TRA RAGAZZE E RAGAZZI

Il ministro dell'Istruzione talebano ha annunciato che d'ora in avanti nell'università dell'Afghanistan le studentesse e gli studenti saranno divisi. "Continueranno a studiare in classi separate, come vuole la sharia", ha dichiarato Abdul Baqi Haqqani secondo quanto riportato da Tolo news.

TALEBANI UCCIDONO NOTO CANTANTE TRADIZIONALE,

I talebani hanno "brutalmente ucciso" Fawad Andarabi un cantante noto in tutto l'Afghanistan. "Portava soltanto gioia alla sua valle e alla sua gente", ha detto su Twitter l'ex ministro afghano dell'Interno Masoud Andarabi, denunciando la sua uccisione. I talebani hanno trascinato il cantante fuori dalla sua casa e lo hanno ucciso, nella città di Andarab, nella parte meridionale della provincia di Baghlan. "La brutalità dei talebani continua ad Andarab. Oggi hanno brutalmente ucciso un cantante folcloristico, Fawad Andarabi, che stava semplicemente portando gioia in questa valle e alla sua gente. Non ci sottometteremo alla brutalità dei talebani", ha twittato l'ex ministro.

AFGHANISTAN: BLOCCATE 81 STUDENTESSE DELLA SAPIENZA

Ottantuno studentesse afghane della Sapienza sono bloccate a Kabul, erano sulla lista del Ministero della Difesa per il trasferimento in Italia. A lanciare l'allarme è il prorettore dell'ateneo romano Bruno Botta. "Erano sulla lista del ministero della Difesa per essere trasferite in Italia, ma a causa dell'attentato di tre giorni fa non sono riuscite a entrare in aeroporto. Sono dovute tornare indietro 90 persone dirette in Italia, tra cui 81 studentesse afghane che a breve avrebbero dovuto iniziare i corsi alla Sapienza. Con loro anche alcuni bambini", ha detto il prorettore della Sapienza Botta.

UNICEF, 300MILA BAMBINI SFOLLATI

Non possiamo abbandonare i bambini dell'Afghanistan nel momento del bisogno: è l'appello del direttore regionale dell' UNICEF George Laryea-Adjei. L'organizzazione umanitaria stima che sono 300mila i bambini costretti a lasciare le loro case, in alcuni casi mentre dormivano, in seguito all'arrivo dei talebani e alla corsa a lasciare il Paese. Un milione di bambini sotto i 5 anni soffrirà di malnutrizione grave, pericolosa per la vita. Oltre 4 milioni di bambini, tra cui 2,2 milioni di ragazzine, sono fuori dalla scuola. "Stanno lottando con ansie e paure: in troppi hanno assistito a scene che nessun bambino dovrebbe mai vedere".


Raid Usa, abbiamo colpito diversi kamikaze. Minaccia dell'Isis K, diretta all'aeroporto, eliminata

OLTRE 2MILA GIORNALISTI AFGHANI VOGLIONO LASCIARE IL PAESE

La Federazione internazionale dei giornalisti (Ifj) ha ricevuto oltre 2mila richieste di aiuto di giornalisti afghani che vogliono lasciare il paese e sta negoziando con i talebani una operazione per farli partire. Il sottosegretario dell'Ifj, Jeremy Dear, ha detto al quotidiano pachistano The News che sono stati avviati contatti con vari paesi - fra cui Spagna, Francia, Messico, Italia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti - perché facilitino l'emissione di visti, ma nessuno è pronto ad accogliere più di una decina di giornalisti. Fonti dell'Ifj affermano che vi è "panico e disperazione" fra i giornalisti rimasti. "Speriamo che i talebani cooperino con noi", ha detto Dear, mentre si avvicina il 31 agosto quando gli americani concluderanno il loro ritiro.







Tags: Afghanistan, Attacco drone Usa, Isis K, Kabul

Share this story: