Rifiuti, Greenpeace scoprire traffico illecito di plastica da Italia a Malesia

10 febbraio 2020, ore 10:47

Più di 1.300 tonnellate spedite illegalmente nei primi 9 mesi del 2019, la maggior parte in impianti privi di permesso

Più di 1.300 tonnellate di rifiuti in plastica spedite illegalmente dall'Italia ad aziende malesi. E questo solo nei primi nove mesi del 2019 quando, su un totale di 65 spedizioni dirette in Malesia, 43 sono state inviate a impianti privi dei permessi per importare e riciclare rifiuti stranieri. È quanto emerge da una nuova indagine dell'Unità Investigativa di Greenpeace Italia, condotta tra Italia e Malesia, che ha portato alla scoperta di un traffico internazionale di rifiuti in plastica. L'organizzazione ambientalista ha già consegnato alle autorità competenti tutta la documentazione dell'indagine. Secondo i documenti confidenziali ottenuti dall'associazione ambientalista, nei primi nove mesi dello scorso anno, su un totale di 2.880 tonnellate di rifiuti plastici spediti per via diretta in Malesia, il 46% è stato inviato a impianti privi delle autorizzazioni necessarie, e che quindi operano senza alcun rispetto per ambiente e salute umana. Una analisi che Greenpeace è riuscita a condurre anche grazie a documenti riservati, ottenuti dal governo di Kuala Lumpur, contenenti i nomi delle 68 aziende malesi autorizzate a importare e trattare rifiuti in plastica dall'estero.

Rifiuti, Greenpeace scoprire traffico illecito di plastica da Italia a Malesia

Share this story: