RTL 102.5 insieme ad Alessandra Amoroso per il megaraduno

 16 luglio 2019

Il 20 luglio la cantante festeggerà i 10 anni di carriera con la sua Big Family nel Parco di Cinecittà World a Roma, con collegamenti in diretta in Radiovisione

Alessandra Amoroso il 20 luglio a Cinecittà World a Roma organizza per/e insieme alla sua Big Family una giornata intera di festa per raccontare una storia d'amore iniziata 10 anni fa e che ancora oggi è un viaggio aperto ricco di musica, energia e inesauribile entusiasmo. Per l’occasione i 310.000 mq del Parco di Cinecittà World grazie a un grandissimo progetto di visual e allestimento diventeranno la casa di Alessandra e della sua Big Family. Al suo fianco ci sarà RTL 102.5, radio partner dell'evento, che seguirà tutta la giornata con collegamenti in Radiovisione a partire dalle ore 11.00 e racconterà tutta l'energia del megaraduno attraverso i profili social della radio. 
RTL 102.5 insieme ad Alessandra Amoroso per il megaraduno
Il Parco Cinecittà World sarà personalizzato con 8 aree, animate con contenuti legati alle canzoni e ai dischi di Alessandra usciti fino ad oggi: da Amore Puro a Vivere a Colori, da Senza Nuvole al Mondo in un secondo, da Stupida a 10, l’album uscito nel 2018 che racchiude tutti i sentimenti e le emozioni di 10 anni di carriera condivisi giorno dopo giorno con la Big Family. Il pop colorato di Alessandra trasformerà Cinecittà World per vivere le emozioni di una grande festa con tutte le attrazioni del Parco Attive, montagne russe comprese. Nelle varie zone saranno organizzate anche lezioni di zumba, openMic per scaldare la voce perché nel concerto finale si canterà a non finire, doppi dj set, non mancheranno il megaquizzettone e le proiezioni di video inediti. La giornata sarà un crescendo di energia e vitalità fino al concerto della sera - sul palco allestito al centro del parco - con gran finale di spettacolo pirotecnico: un arrivederci a presto con tutte le canzoni di questi 10 anni e il desiderio di continuare tutti insieme il viaggio.

Share this story: