Russia, il gelato arcobaleno e propaganda omosessuale: l’azienda afferma il sostegno alla famiglia tradizionale

09 luglio 2020, ore 20:00

I dubbi sul gelato sono stati sollevati da un membro del Consiglio Generale del partito al governo

La vicenda è paradossale. In Russia, un gelato chiamato Rainbow, Arcobaleno, è stato accusato di propaganda omosessuale perché ricorda la bandiera della comunità Lgbtq+. Nel Paese i diritti dei gay non vengono riconosciuti.

Il gelato della discordia

Dopo che è entrato in commercio il gelato Arcobaleno, Ekaterina Lakhova, membro del Consiglio Generale del partito Russia Unita, ha detto che l'azienda che produce il gelato potrebbe voler avvicinare i giovani alla bandiera simbolo della comunità Lgbtq+. La donna, in un'altra intervista, ha paragonato la bandiera arcobaleno a quella nazista. Non si è fatto attendere l'intervento del presidente russo Putin, che ha chiesto di gestire la vicenda che va contro i valori tradizionali, ma in modo non aggressivo. 

L'azienda produttrice

Il gelato Arcobaleno viene prodotto dalla società Chistaya Liniya. I dirigenti dell'azienda hanno subito specificato di sostenere la famiglia tradizionale e Putin. "Crediamo che l'arcobaleno sia la luce del solo dopo la pioggia - hanno fatto sapere - non la bandiera della comunità omosessuale".

La vita difficile dei gay in Russia

In Russia viene considerata tale solo la famiglia tradizionale. Chi fa propaganda per la comunità omosessuale incorre in multe che possono arrivare fino mezzo milione di rubli, corrispondenti a più di seimila euro. Una legge promulgata nel 2003 vieta qualsiasi riferimento ai gay su mezzi di comunicazione accessibili ai minorenni. Anche nel referendum delle scorse settimane, in cui hanno vinto i sì alla riforma costituzionale, Putin ha inserito una clausula per definire il matrimonio unicamente come unione tra uomo e donna

L'omofobia in Russia

Da un'indagine pubblicata recentemente dal Lavadal Center di Mosca, emerge un Paese fortemente omofobo. Un cittadino russo su cinque vorrebbe eliminare le persone omosessuali, mentre tre abitanti su dieci preferirebbero che gay e lesbiche fossero isolati. Nel Paese, molti ritengono che le persone omosessuali siano malate o abbiano disturbi mentali. Dal 2011 al 2017, la comunità gay è stata oggetto di 267 crimini violenti. Solo due di questi sono stati trattati come crimini d'odio, mentre gli altri sono stati derubricati a crimini ordinari e quindi soggetti a pene più lievi. Una legge del 2012 ha vietato i cortei pride per cento anni.


Russia, il gelato arcobaleno accusato di propaganda omosessuale, l'azienda ribadisce il sostegno a Putin

L'omicidio Grigorieva

Il 20 luglio del 2019, a San Pietroburgo, l'attivista Yelena Grigorieva, 41 anni, è stata picchiata e accoltellata a morte sotto casa. La donna era da sempre in prima linea per manifestare contro la tortura, le detenzioni politiche e la persecuzione della comunità Lgbtq+. Più volte è stata aggredita e minacciata di morte fino alla sua tragica fine. Aveva presentato varie denunce, che, però, non sono servite. Venti giorni prima dell'omicidio, un sito omofobo aveva diffuso una lista di persone a cui dare la caccia, in cui compariva anche la donna.  

Il caso Cecenia 

In Cecenia è stato avviato un vero e proprio progetto di repressione degli omosessuali. Le leggi prevedono l'arresto dei gay e anche la tortura per estorcere loro i nomi di altri omosessuali. Secondo un'inchiesta giornalistica, nel Paese i gay vengono portati in campi di prigionia segreti e alcuni detenuti sarebbero morti a causa delle torture che gli sono state inflitte. 

Tags: Gay, Gelato arcobaleno, Pride, Russia

Share this story: