Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: gilet gialli, il presidente Macron in televisione assicura la massima intransigenza con i violenti, ma annuncia l'aumento dei salari minimi
- Corinaldo (AN): tragedia in discoteca, otto gli indagati, tra loro anche il ragazzo sospettato di aver spruzzato lo spray e i gestori del locale
- Corinaldo (AN): migliorano le condizioni di 4 dei ragazzi rimasti feriti in discoteca, ora respirano autonomamente, gravi altri 3, ma stabili
- Palermo: operazione antimafia, in corso 25 perquisizioni, nel mirino degli investigatori presunti fiancheggiatori del boss latitante Matteo Messina Denaro
- Gran Bretagna: Brexit, il premier Theresa May annuncia il rinvio del voto sull'accordo e chiede a Bruxelles una modifica del testo
- Roma: vasto incendio in un deposito di rifiuti sulla Salaria, in corso operazioni di spegnimento
- Firenze: due medici indagati per la morte di Davide Astori, sono responsabili di centri per l'idoneità allo sport
- Calcio: Champions League, oggi l'ultima giornata della fase a gironi, alle 21.00 Inter-PSV Eindhoven e Liverpool-Napoli
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
08 dicembre 2018

Salvini a RTL 102.5, tragedia in discoteca non è fatalità

"Il mio primo pensiero va a famiglie delle vittime, il mio dovere è far in modo che chi ha sbagliato paghi, forse nel locale c'erano troppe persone"

"Il mio primo pensiero non è da ministro, ma da papà di un ragazzo di 15 anni che ogni tanto va ai concerti". Lo ha dichiarato a Rtl 102.5 il ministro dell'Interno e vice premier, Matteo Salvini, commentando la notizia della strage avvenuta nella discoteca di Corinaldo, in provincia di Ancona. "Il mio pensiero - ha aggiunto - va alle famiglie, alle mamme, ai papà, ai fratelli, alle sorelle, ai compagni di classe, ai nonni. A loro va una preghiera nel giorno dell'Immacolata". Salvini ha escluso che si sia trattato di un incidente:" E' evidente che non si sia trattato di una fatalità, ma che ci sono anche delle colpe  in fase di accertamento". Il vice premier non è voluto intervenire sulle indagini in corso, ma non ha escluso che nel locale ci fossero più persone del consentito: "Se così fosse sarebbe ovviamente grave, perché un conto è gestire una situazione di panico con 500 persone, un conto è farlo con 2mila persone". Il capo del Viminale ha sottolineato come sarà suo compito fare in modo che chi ha sbagliato paghi fino in fondo

Salvini a RTL 102.5, tragedia in discoteca non è fatalità