Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Corinaldo (AN): identificato il ragazzo che avrebbe spruzzato lo spray urticante all'interno della discoteca, il giovane fermato per droga, le due vicende non sono collegate
- Corinaldo (AN): stabili le condizioni dei feriti, addetto alla sicurezza della discoteca Lanterna Azzurra, c'era troppa gente all'interno del locale
- Roma: Salvini, resto favorevole alla TAV e alle altre grandi opere, Di Battista, lotta Gilet Gialli sacrosanta, il M5s li supporti
- Francia: proteste dei gilet gialli, il presidente Macron nelle prossime ore parlerà al Paese
- Paternò (Ct): tragedia familiare, un padre avrebbe ucciso la moglie e i figli di 4 e 6 anni, poi si sarebbe tolto la vita
- Roma: allarme Codacons, nel 2018 stangata sulle bollette, aumenti dell'11% per la luce e del 13% per il gas
- Calcio: serie A, Milan-Torino 0-0, Sassuolo-Fiorentina 3-3, Empoli-Bologna 2-1, Parma-Chievo 1-1, Udinese- Atalanta 1-3, Genoa-Spal 1-1
- Calcio: 3-1 al Boca Juniors, il River Plate ha vinto la copa Libertadores
- Calcio: Leonardo, Ibrahimovic non verrà al Milan, ha deciso di restare ai Galaxy di Los Angeles
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
22 novembre 2018

Sara commuove gli Stati Uniti, uccisa da una pallottola

La tredicenne era stata premiata per un tema contro le armi

"Mamma, mi hanno sparato...": sono state le ultime parole di Sara, 13 anni, prima di accasciarsi a terra nel soggiorno di casa e morire. A spezzare la sua giovane vita una pallottola vagante, quella che l'ha colpita ad un fianco dopo aver mandato in frantumi i vetri della finestra della sua cameretta. Li', seduta sul letto, stava guardando la tv insieme alla sorella. Due anni fa era stata premiata dalla sua scuola per un tema in cui denunciava la violenza delle armi da fuoco, che ogni anno in America fa strage anche di bambini e teenager. Cosi', nel giorno del Ringraziamento, la festa piu' sentita dagli americani, un intero Paese si commuove, mentre il volto sorridente di Sara Parks, bambina afroamericana, irrompe nelle case dagli schermi della tv e colpisce come un pugno allo stomaco. E ancora una volta suscita rabbia in chi non si rassegna alla piaga delle armi che infestano l'America, soprattutto nei sobborghi disagiati e violenti di citta' come Milwaukee, in Wisconsin, dove Sara viveva con la sua famiglia. "I bambini sono vittime di una violenza delle armi insensata", scriveva a soli 11 anni nel suo tema-denuncia contro pistole e fucili. "Di fronte a quello che sono costretta a sentire e vedere ogni giorno la conclusione e' una sola: viviamo in uno stato di caos". Parole finora inascoltate, come quelle di una nuova generazione di adolescenti che e' scesa piu' volte in piazza per protestare contro le continue stragi nelle scuole e nei college americani. Per la morte di Sara sono stati presi due uomini, 26 e 27 anni, due balordi con precedenti penali anche per furto di armi. Entrambi sono stati trovati in possesso di almeno tre fucili semiautomatici AK-47, quei kalashnikov responsabili di tante violenze di massa negli Usa, e che in alcune parti del Paese si possono acquistare anche in un supermercato. Armi facili, numeri impressionanti: nel 2018 negli Usa sono gia' oltre 13 mila le persone morte per le pallottole e oltre 25 mila quelle rimaste ferite. Di queste vittime, 595 sono bambini fino ad 11 anni e 2.526 teenager dai 12 ai 17 anni. I dati del Gun Violence Archive, aggiornati al 22 novembre, sono impietosi. In totale, il numero degli incidenti da armi da fuoco nel 2018 e' finora di 50.822, 317 le sparatorie di massa. Ancora, sono 261 i poliziotti feriti o uccisi, mentre sono 1.904 i sospetti feriti o uccisi dagli agenti. Gli incidenti involontari, quelli che spesso riguardano i bambini in casa, sono 1.417 Davanti alla casa di Sara, la speranza che qualcosa possa cambiare. Centinaia di persone si sono radunate per ricordarla sventolando un foglio, quello del tema in cui la tredicenne invocava innanzitutto il ritorno al rispetto tra le persone: "Dobbiamo cominciare a volerci bene di nuovo, l'uno con l'altro".

Sara commuove gli Stati Uniti, uccisa da una pallottola