Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Cherif Chekatt localizzato e ucciso dalle forze speciali, in un deposito del quartiere di Neudorf, dove era stato visto per l'ultima volta
- Francia: il killer era armato di una pistola e di un coltello, aveva minacciato i poliziotti, sparando per primo, nessun ferito tra gli agenti
- Bruxelles: manovra con deficit al 2,04%, dopo vertice Juncker-Conte, commissario Ue Moscovici, ancora non ci siamo, ma vogliamo l'accordo
- Milano: i giudici stabiliscono che il caso mense di Lodi è discriminazione, il regolamento che penalizza gli stranieri deve cambiare
- Costa Rica: rapinato e ucciso con un coltello, Gianfranco Pescosolido, 56 anni, abitava nel Paese da anni, era uscito per una passeggiata in un parco
- Calcio: Europa League, Lazio-Eintracht Francoforte 1-2, biancazzurri già qualificati, fuori dai sedicesimi per differenza reti il Milan, battuto 3-1 dall' Olympiakos
- Calcio: ufficiale, l'ex direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, è il nuovo amministratore delegato dell'Inter per l'area sportiva
- Nuoto: mondiali in Cina, argento per Simona Quadarella, secondo posto negli 800 metri stile libero in vasca corta
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
28 novembre 2018

Scienziati ingoiano teste di Lego per rassicurare i genitori

Il test dimostra che i mattoncini, una volta ingeriti, vengono espulsi in un giorno senza particolari conseguenze

Uno studio di ricercatori australiani e britannici dimostra che, dopo aver inghiottito la testa di un personaggio Lego, i mattoncini vengono espulsi in un giorno senza particolari conseguenze o effetti collaterali. La dimostrazione, pubblicata pochi giorni fa sul Journal of Peadiatrics and Child Health, chiarisce le preoccupazioni di molti genitori, che temono che i loro figli possano ingerire parti del giocattolo e mettersi in pericolo. Nello studio, che sta facendo il giro del web, i ricercatori hanno ingoiato la testa di un personaggio Lego per dimostrare l’assenza di conseguenze serie . “L’obiettivo – spiega Grace Leo, una delle autrici del test - è quello di rassicurare i genitori sulla non pericolosità dei mattoncini”. Solo se l’oggetto che viene ingerito è appuntito e se supera le dimensioni di 5 cm di lunghezza e 2,5 di larghezza occorre rivolgersi a un medico.

Scienziati ingoiano teste di Lego per rassicurare i genitori