Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: caso Maugeri, la Cassazione, 5 anni e 10 mesi all'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni
- Roma: la Camera approva mozione della maggioranza sulla Tav, impegna il governo a ridiscutere il progetto
- Foligno: scuola, maestro umilia bimbo di colore, guardate quanto è brutto, Miur, sarà sospeso in via cautelare
- Roma: premier Conte precisa, non necessaria una manovra correttiva, misure prudenziali ci mettono al riparo
- Roma: Diciotti, sbarco ritardato, 41 migranti chiedono risarcimento all'Italia, una somma fino a 71mila euro
- Vaticano: Papa apre summit su protezione dei minori nella Chiesa e invoca contro la pedofilia misure concrete
- Calcio: Europa League, ritorno dei sedicesimi di finale, Napoli-Zurigo 2-0, Inter-Rapid Vienna 4-0, Napoli ed Inter agli ottavi
- Sci, mondiali di fondo, sprint a tecnica libera, argento per Federico Pellegrino, oro al norvegese Klaebo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
03 dicembre 2018

Scritte choc, vedova Scirea, forte dolore, io non perdono

Mariella Scirea, moglie di Gaetano, ha condannato con fermezza la scritta apparsa in Fiorentina-Juventus, "Heysel -39, Scirea brucia all'inferno"

"Io non li perdono, ho avuto solo un forte dolore al cuore, io so quanto Gaetano fosse amato dagli juventini". Mariella Scirea, la vedova dell'ex capitano della Juventus, Gaetano Scirea, condanna con fermezza la scritta comparsa durante Fiorentina-Juventus, in cui si leggeva "Heysel -39, Scirea brucia all'inferno". "La violenza non è solo menare le mani è anche queste scritte, credo che né io e né la mia famiglia meritavamo questo", ha proseguito la vedova Scirea. "Non c'è un fatto personale, ma la scritta brucia perché Gaetano è bruciato veramente in quella macchina in Polonia. Questa volta non mi piace far finta di nulla, credo sia necessario prendere dei provvedimenti perché iniziano ad essere tanti questi episodi. Ci sono delle regole, ma vengono disattese e dare campo libero a queste persone non è un bel segnale per i giovani."

Scritte choc, vedova Scirea, forte dolore, io non perdono