Senato, domani il voto di fiducia sul decreto sicurezza bis

 04 agosto 2019

Restano le tensioni nella maggioranza e intanto nel Movimento 5 stelle scoppia il caso Bugani

Il governo è alla prova nel voto di fiducia al decreto sicurezza bis, previsto domani sera nell’Aula del Senato. Un pugno i voti decisivi con i riflettori puntati sui dissidenti M5s e sulla tensione sempre altissima con la Lega. “'Se ci sono i numeri? Non lo so, domani vedremo', ha tagliato corto Matteo Salvini. E intanto nei pentastellati scoppia il caso Bugani, il plenipotenziario del MoVimento in Emilia-Romagna che, dopo un attacco a Toninelli e un'apertura a Di Battista, si è visto dimezzare lo stipendio e annuncia le dimissioni dalla segreteria di Di Maio e da tutti gli incarichi nei 5Stelle. Ma quello che si presenterà in settimana, per l’esecutivo sarà un vero e proprio percorso ad ostacoli. Nei prossimi giorni il governo è atteso anche dalle mozioni Tav in Senato e sulla manovra. Non è escluso un nuovo vertice per accorciare le distanze tra Lega e M5S sulla riforma della giustizia. A metà settimana dovrebbe tenersi il Consiglio dei ministri, l'ultimo prima della pausa estiva, che potrebbe approvare il decreto legge sulla scuola, rinviato la scorsa settimana, e il decreto voluto da Luigi Di Maio con le tutele per i rider e interventi sulle crisi d'impresa. Giovedì prossimo, infine, è prevista la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un'occasione per fare il punto sull'azione del governo.
Senato, domani il voto di fiducia sul decreto sicurezza bis

Share this story: