Serie A, clamoroso al Milan, niente rivoluzione Rangnick, resta Pioli; i rossoneri battono il Sassuolo, l'Atalanta supera il Bologna

21 luglio 2020, ore 23:47

Visti i buoni risultati la società rossonera ha deciso di andare avanti con Pioli, il Milan intanto ha vinto 2-1 con il Sassuolo nel segno di Ibra; l'Atalanta ha battuto 1-0 il Bologna


 Sassuolo-Milan 1-2

La notizia più importante è arrivata dalla Germania: Ralf Rangnick è sul punto di rinnovare con il Lipsia, sta per saltare il suo arrivo al Milan. La società rossonera si è convinta che conviene andare avanti con Stefano Pioli, che dopo il lockdown ha saputo rianimare una squadra in grande difficoltà. Per lui pronto un biennale. Anche a Reggio Emilia i rossoneri hanno confermato il loro momento di grazie, grande protagonista Zlatan Ibrahimovic. Il Sassuolo dopo lungo tempo ha sentiro il sapore della sconfitta, il che non cancella la bella stagione della squadra di De Zerbi. Sono stati i neroverdi a partire meglio, ma al diciannovesimo sono passati in vantaggio i rossoneri: cross di Calhanoglu e tuffo di testa di Ibrahimovic per mettere il pallone in rete. Il Sassuolo ha reagito con uno bello spunto di Raspadori, tiro alto dal limite; il Milan ha risposto con un altro colpo di testa di Ibra, questa volta parato da Consigli. Al quarantunesimo il VAR ha pescato un braccio di Cahlanoglu che ha portato al rigore per il Sassuolo, dagli undici metri ha trasformato Caputo. Sono bastati cinque minuti alla squadra di Pioli per riportarsi avanti, altra rete di Ibrahimovic in contropiede. E appena prima dell’intervallo il Sassuolo è anche rimasto in dieci per l’espulsione di Bourabia. Nella ripresa tranquillo controllo del Milan, pericoloso con un palo esterno di Bennacer e con due tiri di Bonaventura respinto da Consigli.

Atalanta-Bologna 1-0

L’Atalanta ha battuto il suo record di punti ed è salita momentaneamente al secondo posto. Il Bologna ha mandato segnali di ripresa e se l’è giocata fino alla fine. Primo tempo piuttosto equilibrato, l’occasione migliore l’hanno avuta gli ospiti, con la traversa colpita da Barrow con una gran punizione. Da segnalare un acceso diverbio a bordo campo tra i due allenatori, sono volate parolacce e insulti: ammonito Mihajlovic, espulso Gasperini. Nella ripresa l’Atalanta è partita con un piglio diverso, subito pericoloso il neo entrato Muriel. Ed è stato proprio il colombiano a sbloccare al diciottesimo una gara non facile con una conclusione da 15 metri dopo una sponda di Zapata. A differenza di quanto avvenuto a san Siro, il Bologna non ha mollato ed è rimasto in partita fino alla fine.

Conto alla rovescia tricolore

Per la Juventus è iniziato il conto alla rovescia per poter festeggiare il nono scudetto consecutivo, il primo dell’era Sarri. La prima occasione si presenterà giovedì: i bianconeri dovranno vincere a Udine e sperare che nel frattempo l’Inter non abbia battuto la Fiorentina il giorno prima. Altrimenti ci sarà un nuovo match-point domenica prossima in occasione di Juventus-Sampdoria. I bianconeri si stanno avviando a una vittoria raggiunta quasi per inerzia, anche grazie ai passaggi a vuoto di chi inseguiva. Le giocate di Dybala, i gol di Cristiano Ronaldo, le parate di Szczesny sono i stati fattori più decisivi, che spesso hanno sopperito alle carenze sul piano del gioco e della mentalità: Sarri non è riuscito a trasferire la sua filosofia alla squadra, che nel frattempo ha perso il cinismo e la compattezza dei tempi di Allegri. Giocando così si può vincere il campionato, per la Champions serve uno scatto in più.

Le sei partite del mercoledì

L’aperitivo alle 19.30 al Tardini, con Parma-Napoli. Gli emiliani vogliono interrompere la serie negativa fatta di tante rimonte subìte. I partenopei sono già qualificati per la prossima Europa League avendo vinto la coppa Italia, ma Gattuso vuole tenere alti i giri in vista della sfida di Champions al Barcellona del prossimo 8 agosto. Cinque partite alle 21.45: a san Siro Inter-Fiorentina, i nerazzurri vogliono tornare al secondo posto e rimandare il più possibile la festa Juve; all’Olimpico Lazio-Cagliari, i biancocelesti hanno bisogno di rialzarsi dopo la sconfitta di Torino; a Ferrara Spal-Roma, giallorossi senza Zaniolo, che è infortunato ma anche vicino alla cessione. Capitolo salvezza: il Genoa è atteso dal derby con la Sampdoria, il Lecce riceverà il Brescia, i rossoblu viaggiano con quattro punti di vantaggio sui salentini, che devono vincere e sperare nei blucerchiati. In programma anche Torino-Verona, alla vigilia stanno meglio gli scaligeri.

Serie A, clamoroso al Milan, niente rivoluzione Rangnick, resta Pioli; i rossoneri battono il Sassuolo, l'Atalanta supera il Bologna
Tags: atalanta, bologna, milan, Pioli, sassuolo, serie a

Share this story: