Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: oggi al via gli esami di maturità per 500mila studenti, si comincia con il tema di italiano
- Calcio: Michel Platini fermato in Francia, interrogato nell'inchiesta sulla presunta corruzione per l'assegnazione dei mondiali, è stato rilasciato in nottata
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione al Qatar dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse di corruzione, sono estraneo ai fatti
- Brescia: un bambino di un anno è ricoverato in gravi condizioni, avrebbe ingerito cocaina, medici, sta migliorando
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, i medici, ha una fibra forte
- Napoli: premier Giuseppe Conte, recuperato clima di fiducia con Salvini e Di Maio dopo toni veementi della campagna elettorale
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, Salvini, le tasse vanno abbassate
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona resta debole
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Calcio: mondiali femminili, Italia-Brasile 0-1, azzurre qualificate agli ottavi come prime del girone
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 aprile 2019

Si candida a 94 anni, nel '48 fu tra le prime donne a votare

Maria Teresa Branduzzi corre per il consiglio comunale di Reggio Emilia

Candidata al consiglio comunale all'età di 94 anni. E' la curiosa storia di Maria Teresa Branduzzi in corsa per le elezioni amministrative del prossimo 26 maggio a Reggio Emilia. La donna si è schierata nella lista "Reggio è", satellite del Pd e in appoggio al sindaco Luca Vecchi che tenterà il bis nella città del Tricolore. L'anziana fu tra le prime donne a votare in Italia il 18 aprile del 1948 dopo che due anni prima entrò in vigore il suffragio universale grazie al referendum. La sua vicenda è stata riportata dalla stampa locale. "Faccio sul serio, la mia non è una candidatura spot - ha spiegato - Ho contribuito alla stesura del programma e credo molto nella politica. I miei modelli? Mi piaceva molto Nichi Vendola, tanto che per lui mi ero iscritta a Sel. Ora invece apprezzo molto l'approccio di Giuliano Pisapia, l'ex sindaco di Milano". Maria Teresa nella vita è stata un'insegnante e un'agguerrita sindacalista. "Ho frequentato l'università di ingegneria civile a Pisa, poi sono andata in Sardegna. Ho iniziato a fare la professoressa alle scuole medie di Terralba, un paesino in provincia di Oristano. Qui il Pci mi ha adocchiata e mi ha candidata al parlamento sardo come indipendente. Venni eletta, ma rinunciai perché il lavoro mi portò a Verona dove sono stata dieci anni. E qui ho fondato la Cgil scuola. Ci ho messo anima e corpo, ma poi mi sono stancata e ho detto basta all'insegnamento". Ma una volta lasciata la cattedra ha girato il mondo. "Volevo studiare le lingue e sono andata a Londra", continua a raccontare. E in un albergo londinese dove trovò lavoro, incontrò il suo attuale compagno, Bernard Stauffer, svizzero e più giovane di lei di 32 anni. "Lui studiava e io l'ho seguito. L'ho anche aiutato a fare qualche studio antropologico. Siamo stati a Parigi, Berlino, in Svizzera e in California. E ora sono tornata a Reggio, la mia città. Dove sono pronta alla sfida elettorale".

Si candida a 94 anni, nel '48 fu tra le prime donne a votare